QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 13° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 26 febbraio 2020

Attualità mercoledì 18 marzo 2015 ore 09:05

Cappellini va oltre: la prima con Jobs a teatro

Foto di Roberto Nesti

Lo spettacolo del comico di Pomarance sarà al Persio Flacco nell'ambito dell'iniziativa 'Vai Oltre' promossa dagli studenti del liceo Carducci



VOLTERRA — Ha già portato il suo spettacolo a Pisa ed Arezzo, riscuotendo un notevole successo nelle tre repliche. Mai però in un 'vero' teatro e mai vicino 'casa'. Sarà quindi un debutto in grande stile quello di Andrea Cappellini che con il suo Tutta colpa di Steve, scritto insieme a Marco Vicari, debutterà sul palcoscenico del Persio Flacco di Volterra il prossimo 16 aprile.

Il comico di Pomarance, protagonista dello Zelig Lab di Livorno, ha ricevuto l'invito da alcuni studenti del liceo Carducci di Volterra che organizzano tre giorni di eventi dal 16 al 18 aprile. Il progetto si chiama Vai Oltre! e parteciperanno varie personalità che sono riuscite a realizzare qualcosa di importante nella loro vita, come Paolo Piagnieri, medico di Emergency, Dario Moccia e Claudio di Biagio del web e di Youtube e l’ex ministro dell’istruzione Maria Chiara Carrozza.

Ci sarà anche lo spettacolo di Cappellini che, giovanissimo, è riuscito a farsi apprezzare e a lavorare con un autore del calibro di Vicari. "Sono molto contento che mi abbiano invitato - racconta Andrea - questa è una bellissima iniziativa ed è anche un modo per dire a chi ci prova di non mollare mai, anche se la strada è sempre in salita. E bisogna sempre avere i piedi per terra, perchè nel mondo ci sono altre persone che fanno quello che stai facendo tu, e lo fanno cento volte meglio".

Tutta colpa di Steve è uno spettacolo comico basato su un dialogo surreale tra Cappellini e Steve Jobs: tra un giovane ventenne italiano e uno dei geni del ventesimo secolo. Tra canzoni satiriche con la chitarra e monologhi sulla sua vita, Andrea porta in scena un confronto tra la generazione di Jobs e quella dei precari degli anni 2000, tra le opportunità della Silicon Valley degli anni 80 e la desolazione dell'Italia di oggi, tra chi ce l’ha fatta a costruire i suoi sogni e chi non sa nemmeno se ce la farà ad arrivare alla fine del mese.
"Sul palco ad aiutarmi nella parte strumentale, con i suoni della chitarra ed altri strumenti, ci sarà Giacomo Anichini - racconta il comico - lo spettacolo lo conoscete, ma ho aggiunto alcune cose e ne tolte altre".
"La terza replica ad Arezzo - racconta - è andata molto bene e al Persio Flacco sarà il debutto in teatro: sono molto emozionato ed onorato, dato che è sempre stato uno dei sogni che avevo nel cassetto andare in scena in teatro con uno spettacolo mio".

Intanto, mentre si gode la fiducia di Vicari (autore televisivo e teatrale e penna satirica del Verconacoliere e Il Fatto) e i successi dello Zelig Lab, il 'Cappe' è già a lavoro su nuovi progetti. "Avrei voglia di scrivere un altro spettacolo - rivela - e sto scrivendo roba nuova".

Alessandra Siotto
© Riproduzione riservata

Andrea Cappellini - Tutta colpa di Steve - PROMO dello spettacolo


Tag

Il vice ministro della Salute iraniano suda in conferenza: positivo al coronavirus

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità