Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA22°35°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 18 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo, la ruota panoramica di Piombino in mezzo alla furia del vento: volano via le cabine

Attualità giovedì 25 febbraio 2016 ore 12:00

"La fusione è un progetto scellerato"

Una veduta di Castellina Marittima

La lista civica per Castellina attaca duramente l'idea di una fusiione con Riparbella e analizza la situazione alla luce dello studio Anci



CASTELLINA MARITTIMA — Anche a Castellina è stato presentato lo studio commissionato dai sindaci all’Anci per provare a sostenere la fusione con Riparbella. Secondo la Lista civica per Castellina la partecipazione dei cittadini è stata "Ancora una volta molto scarsa".

"Il sindaco Lucchesi - proseguono dalla Lista - ha comunicato che il referendum si svolgerà molto probabilmente l’8 maggio e ha illustrato cosa intenderebbero fare con i lauti contributi promessi dallo Stato e dalla Regione. Preso atto di quanto esposto, speriamo vivamente che venga in mente qualcosa di meglio delle idee strampalate e inconcludenti esposte nella serata".

Il Comitato si lancia poi nell'analisi dei numeri presentati: "L’Anci ha evidenziato che i soldi promessi, oltre 5,5 milioni di euro in 10 dieci anni, saranno concessi fino ad esaurimento dei fondi, quindi possono ridursi, e servirebbero per alleviare i disagi della fusione, disagi di cui non è stata fatta menzione specifica. Il numero degli abitanti del possibile nuovo Comune salirebbe a 3mila 700 lasciando così totalmente irrisolto, secondo le valutazioni Anci, il problema dimensionale in quanto per un miglioramento dei servizi erogati ai cittadini e per ottenere una riduzione delle tariffe connesse servirebbero, secondo le statistiche, almeno tra i 10 mila e i 20 mila abitanti".

"Riteniamo sbagliato inoltre considerare solo il parametro dimensionale del numero dei cittadini dimenticando, ad esempio, l’estensione territoriale su cui il nostro comune è chiamato a governare, estensione già grande oggi, e ancora più grande nell’eventuale fusione e quindi peggiorativa delle difficoltà già in essere. In pratica si è dato ragione a quanto affermato dalle Liste civiche dei due Comuni, entrambe assolutamente contrarie alla fusione non in senso generale ma a questa fusione che non migliorerà la situazione in termini di efficacia e di efficienza dei servizi erogati alle due popolazione. A questo proposito le due liste civiche hanno presentato mozioni nei rispettivi consigli comunali e richiesto ciascuna un consiglio comunale aperto per sensibilizzare la popolazione sullo scellerato progetto che le attuali maggioranze vogliono realizzare".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le nuove positività, emerse in 4 comuni del territorio, rientrano tra le 225 accertate tra ieri e oggi in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità