Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:41 METEO:VOLTERRA10°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 27 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Elisabetta Belloni e il suo pensiero su donne e carriera diplomatica

Cronaca martedì 27 settembre 2016 ore 13:14

Migranti e Valdicecina, interrogazione di Gasparri

Maurizio Gasparri

La questione approda in parlamento, il senatore presenta un'interrogazione al Ministro dell'Interno.



CASTELNUOVO VDC — Il senatore Maurizio Gasparri, su sollecitazione di Raffaella Bonsangue, coordinatore provinciale di Forza Italia in Provincia di Pisa e di Marco Nati, membro del coordinamento provinciale, nonché commissario per la Valdicecina, ha presentato un’interrogazione al ministro dell’interno Angelino Alfano per chiedere: ”quali orientamenti il ministro in indirizzo intenda esprimere in riferimento a quanto esposto e, conseguentemente, quali iniziative voglia intraprendere, nell'ambito delle proprie competenze, per fare chiarezza su quanto accaduto fra la Prefettura di Pisa e il Comune di Castelnuovo di Val di Cecina alla luce dello scambio di note avvenuto fra le due istituzioni;

se non ritenga di dover adottare dei provvedimenti esemplari, vista la procedura adottata dal prefetto di Pisa, a giudizio dell'interrogante del tutto illegale, per quanto concerne l'affidamento degli immigrati ai Comuni italiani; se non intenda convocare il prefetto di Pisa per comprendere come sia stato possibile giungere ad una tale gestione del problema, a giudizio dell'interrogante approssimativa;

se non voglia ricercare le responsabilità della vicenda, sanzionando gli artefici di un'azione che, ad avviso dell'interrogante, mette a repentaglio anche l'incolumità dei cittadini, considerato che il Comune, in un primo momento, non sarebbe stato in possesso di alcuna notizia sull'identità e sulla salute delle persone affidategli”.

"È assolutamente inaccettabile - hanno aggiunto Bonsangue e Nati - che i sindaci e gli amministratori locali, nel loro già difficile ruolo, siano onerati di ulteriori responsabilità spesso in conflitto con gli obblighi e i doveri che devono assolvere in virtù del mandato conferito dai cittadini, di cui talvolta non è possibile soddisfare tutte le esigenze, a partire da quelle primarie di vitto ed alloggio. La dilagante povertà che attanaglia un numero sempre maggiore di cittadini e la necessità di sicurezza, seriamente messa a rischio, da una serie di situazioni contingenti, necessitate da incomprensibili provvedimenti di imperio, costringono i sindaci come Alberto Ferrini, ad affrontare situazioni di emergenza, armati di spirito umanitario piuttosto che con dotazioni e risorse già insufficienti per i cittadini.  La Prefettura pensa di risolvere così l’emergenza, senza rendersi conto che questo potrebbe essere un modo per far nascere problemi nelle città in cui gli immigrati vengono collocati?".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tra ieri e oggi il numero di contagi rallenta, mentre il tasso di incidenza più alto è a Casale Marittimo. In Provincia sono 1.189 i nuovi casi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità