Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA20°34°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 01 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Crolla a peso morto alle parallele: Simon Biles spiega i «twisties» con un video su Instagram

Attualità mercoledì 06 agosto 2014 ore 09:50

Alla scoperta dell'antica Vada Volterrana

La campagna di scavi della 'Vada Volaterrana Summer School' ha portato in luce un ulteriore edificio del quartiere portuale



ROSIGNANO MARITTIMO — "Gli scavi stanno progressivamente ricomponendo la forma urbana dell’antica Vada Volaterrana, porto di Volterra, che risulta estendersi dalla località San Gaetano almeno sino al centro della moderna frazione". E' quanto spiegano gli archeologi a conclusione dell'edizione 2014 della “Vada Volaterrana Summer School”, afferente al Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere Università di Pisa, alla quale hanno partecipato studenti statunitensi ed olandesi.

Di notevole interesse sono i risultati emersi dalla attività svolte, la cui organizzazione, con la gestione dei lavori sul campo, è stata curata dalla Società Cooperativa ArcheoData.
"Questa campagna di scavi - spiegano gli archelogi - ha portato in luce un ulteriore edificio del quartiere portuale: un vasto edificio a destinazione produttiva/artigianale, con tutta probabilità costruito nel corso del II sec. d. C.".

"L'edificio - proseguono gli archeologi - fu in uso fino al VI sec.d.C./inizi VII sec. quando l’area venne occupata da sepolture; significativo il rinvenimento di una tomba con due individui: accanto al defunto disteso nella tomba è stato individuato l’accumulo di ossa pertinenti ad un altro scheletro”.

Le indagini archeologiche sono state integrate da applicazioni di tecniche diagnostiche non distruttive (prospezioni georadar) a cura del dottor Ribolini del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa, che su tale argomento ha svolto lezioni frontali ed esercitazioni pratiche, nel corso delle quali sono state individuate strutture sepolte che saranno oggetto dei prossimi scavi.

Sono state inoltre effettuate ricognizioni archeologico-topografiche nel tratto di costa ubicato a Nord e Sud della foce del fiume Cecina che hanno arricchito le attuali conoscenze sul retroterra di Vada Volaterrana, ben noto per i suoi centri manifatturieri specializzati nella produzione di anfore vinarie e vasellame.

Gli scavi, che vengono effettuati in regime di concessione da parte della competente Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, e con il supporto tecnico del Museo Archeologico del Comune di Rosignano Marittimo e della Società Ineos, proprietaria dell’area di scavo, riprenderanno dal 1 al 20 settembre 2014 per portare in luce ulteriori elementi della storia di Vada Volaterrana e dei suoi abitanti.

Fonte: Comune di Rosignano Marittimo

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Diramata una allerta meteo in codice giallo per domani, domenica 1 Agosto. Temporali nella prima parte di giornata, poi vento forte e mareggiate
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS