comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:47 METEO:VOLTERRA13°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 28 novembre 2020
corriere tv
Guerra civile a Parigi, manifestanti danno fuoco alla Banque de France

Cronaca venerdì 13 giugno 2014 ore 06:05

Commemorazione alla Niccioleta a 70 anni dall'eccidio

Sabato alle ore 10,30 si terrà una commemorazione per ricordare la strage avvenuta il 14 giugno del 1944



CASTELNUOVO VAL DI CECINA — Sabato 14 giugno alle ore 10,30 è in programma a Castelnuovo Val di Cecina una commemorazione in occasione del 70esimo Anniversario dell’eccidio della Niccioleta.
Alla solenne commemorazione per ricordare le vittime dell'eccidio del 1944, parteciperanno le autorità e la società civile.
Questo week- end, sabato 14 e domenica 15, è in programma anche una festa presso La Pagoda, in località Doccioli, organizzata dalle sezioni A.N.P.I. di Castelnuovo Val di Cecina, Pomarance e Volterra.


Per non dimenticare, nel 70esimo anniversario dell’eccidio, i Circoli dell’Alta Val di Cecina del Partito della Rifondazione Comunista, scelgono le parole del libro di Cassola e Bianciardi 'La strage della Niccioleta'

"
Al tramonto, i 77 furono condotti in una specie di dolina, in prossimità della centrale elettrica, e a gruppi di quindici falciati con le mitragliatrici. Le mitragliatrici erano manovrate dai militi italiani. Nella caserma dei carabinieri, udendo la sparatoria, la moglie del fascista Soppelsa non resse e si mise a piangere. Nucciotti la vide e disse: «Io non faccio una lacrima, questa volta l’hanno preso in culo loro!»

Subito dopo la strage, il tenente tornò nella sala del cinematografo, dov’era rimasto solo il gruppo degli anziani, perché i giovani erano già stati fatti partire verso il Nord. Il tenente tenne loro il seguente discorso:

«Noi siamo stati avvertiti da persone di Niccioleta e da militari che a Niccioleta la vita era diventata impossibile a causa del movimento dei partigiani. Noi siamo intervenuti e abbiamo preso i provvedimenti necessari per stroncare questo movimento. Voi siete liberi e potete tornare a Niccioleta; però vi avvertiamo che qualora si ripetesse un fatto simile, noi, interverremo di nuovo, sia fra una settimana che fra sei mesi, e vi faremo fare a tutti la fine che hanno fatto i vostri compagni ».

Ottantatre furono dunque le vittime di questa orribile strage. La Giustizia, messasi in moto dopo la Liberazione del Nord, ha raggiunto i criminali solo in minima parte.

I fascisti di Niccioleta erano tutti solidalmente responsabili della strage. Erano stati, infatti, loro, nei contatti coi fascisti di Massa e coi tedeschi di Pian di Mucini, a creare al paese la fama di «covo» partigiano e comunista, e a richiedere insistentemente una spedizione punitiva in grande stile.

Può sembrare inspiegabile un odio tanto smisurato contro gente che in fin dei conti non aveva fatto loro nulla. Ma i fascisti da tanti anni erano abituati a comandare, a essere rispettati, a figurare fra le autorità, e non potevano pensare che tutto questo dovesse finire. Il solo fatto di esser messi in disparte dopo il 25 luglio sembrava loro un’offesa intollerabile”



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Politica

Cronaca

Attualità