comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17°28° 
Domani 16°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 15 luglio 2020
corriere tv
Autostrade, la famiglia Benetton accetta le condizioni del governo

Lavoro sabato 31 maggio 2014 ore 07:05

CoSviG entra a far parte del Polo di Rispescia

Nasce il centro pilota di riferimento in Toscana per le imprese che operano nell'agroalimentare di qualità; Cosvig porterà l'esperienza della Comunità del Cibo a Energie Rinnovabili



- — Il 22 maggio scorso si è costituita l'associazione temporanea di scopo per il Polo agroalimentare di Rispescia, di cui è entrato a far parte anche il Cosvig.

Il ruolo di Cosvig. L'associazione si dovrà occupare della gestione amministrativa e finanziaria del Polo agroalimentare che opererà come centro pilota di riferimento in Toscana per le imprese che operano nell'agroalimentare di qualità.
Tra i soggetti che daranno vita al futuro centro di competenza e innovazione tecnologica, che prenderà vita in Maremma nella frazione di Rispescia- Alberese, c’è anche CoSviG: l’Amministratore Piero Ceccarelli è stato tra i firmatari del protocollo che ha dato vita all’associazione.
CoSviG potrà portare come contributo l’esperienza acquisita nelle attività di trasferimento tecnologico e d’innovazione e in particolare proprio nel settore agroalimentare con il progetto Comunità del Cibo a Energie Rinnovabili.

"Abbiamo aderito con grande entusiasmo a questo progetto - ha detto Ceccarelli - perché crediamo che possa creare buone opportunità per realizzare nuove attività di sviluppo legate all’utilizzo della geotermia nel settore agroalimentare". "Ci auguriamo - ha aggiunto - che possa dare un impulso ad estendere il connubio tra agroalimentare, geotermia e altre rinnovabili"

Il Polo. Il Polo agroalimentare sarà realizzato nei locali di proprietà dell'Ente Terre Regionali Toscane dell’ex-Enaoli di Rispescia, con un investimento di oltre 2 milioni e mezzo di euro, di cui 838 mila euro provenienti da fondi Cipe, un milione e 700mila della Regione Toscana e 8mila euro a carico del bilancio della Provincia di Grosseto. Il Polo fornirà servizi di certificazione di processo e di prodotto, di controllo e di tracciabilità, si occuperà di ricerca, formazione specialistica, innovazione e trasferimento dell’innovazione. Le filiere interessate nella fase di avvio saranno quella olivo-oleicola, quella cerealicola, quella zootecnica, lattiero-casearia e ittica. 

Gli obiettivi. L’obiettivo principale è spingere il comparto agroalimentare verso attività ad elevato valore aggiunto che includano processi di produzione, trasformazione, ricerca e innovazione e commercializzazione, anche per incrementare i livelli di sicurezza alimentare. Tra gli obiettivi c'è anche l’innalzamento della competitività e redditività del comparto agroalimentare attraverso l’incremento di produttività, riconoscibilità e differenziazione delle filiere coinvolte.

I componenti dell'Associazione. All’associazione temporanea partecipano la Provincia di Grosseto che è capofila, il Comune di Grosseto, la Camera di Commercio di Grosseto, in rappresentanza degli Enti e Istituzioni locali, la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa; le Università di Pisa, Siena e Firenze; il Polo di Navacchio; Pont-Tech scrl; Cnr-Ibimet, CoSviG, il Polo universitario grossetano; l'Istituto agrario di Grosseto “Leopoldo II di Lorena”; CIRSPE in rappresentanza del settore della ricerca, istruzione, innovazione e trasferimento tecnologico in Toscana; Confcooperative, Confidustria, Confederazione Italiana Agricoltori; Confagricoltura, Coldiretti, in rappresentanza delle imprese toscane.
Fonte: Cosvig



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità