QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 21°33° 
Domani 21°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 21 agosto 2019

Cronaca venerdì 27 giugno 2014 ore 17:52

Dispersione scolastica: denunciata una coppia

Tra i numerosi casi in tutta la Provincia di Pisa, anche una coppia residente nel Comune di Riparbella che non mandava i due figli a scuola



RIPARBELLA — Denunciate 55 persone solo Pisa. Poi altre 20 in tutta la provincia. Sono i genitori o i tutori di bambini che non frequentavano la scuola. Il bilancio dei carabinieri di Pisa arriva al termine dell'anno scolastico, mentre già si pensa al prossimo, che partirà a settembre.
Uno dei casi ha riguardato Riparbella, dove sono stati denunciati due coniugi che non mandavano i loro due bambini in I e III elementare.

Nel capoluogo, i carabinieri della compagnia, al comando del maggiore Stefano Bove, hanno denunciato alla procura della Repubblica 55 persone, tutti genitori o esercenti la patria potestà di soggetti minori domiciliati negli insediamenti nomadi di Riglione e San Piero a Grado. Alla denuncia è seguita l’immediata comunicazione ai servizi sociali per gli interventi di competenza.

"La dispersione scolastica - spiegano i carabinieri - è spesso sinonimo di degrado sociale. Il bullismo, l’uso delle droghe e le più disparate forme di microcriminalità trovano spesso linfa vitale da soggetti minorenni che vengono sottratti al mondo della scuola. Anche Pisa non fa purtroppo eccezione".

Fuori dal capoluogo, i controlli hanno messo in evidenza la diffusione complessiva del fenomeno. Particolari casi d’interesse sono emersi a Pontedera, Navacchio e Ponsacco (6 le persone complessivamente denunciate, mentre altri approfondimenti sono in corso a Bientina). Negli istituti dell’area sanminiatese è stata accertata la dispersione scolastica di 12 minori, di cui 3 italiani e 9 stranieri, con accertamenti ancora in corso nei confronti dei genitori.

I carabinieri ringraziano "i dirigenti scolastici che hanno collaborato con l’Arma nell’individuazione dei casi descritti e di altre attività più marginali".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Politica