QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 18° 
Domani 16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 24 febbraio 2020

Attualità lunedì 04 luglio 2016 ore 15:15

E se Voltaire derivasse da Volterra?

Il filosofo francese potrebbe aver scelto il suo pseudonimo in onore della città etrusca. La tesi di uno studioso volterrano in un libro



VOLTERRA — François-Marie Arouet, meglio conosciuto come Voltaire, potrebbe essere stato ispirato da Volterra per la scelta del suo pseudonimo. Non soltanto una questione di somiglianza fonetica, quindi, ma una vera e propria correlazione. A sposare questa tesi è Simone Domenico Migliorini che, nel suo saggio Voltaire e Volterra, analizza e approfondisce le varie ipotesi.

La prima è quella dello scrittore settecentesco Francois Antoine Chevriern che, in un suo scritto dal titolo Les Amusement des dames de Bruxelles, citando Volterra, sostiene che il filosofo illuminista, dopo una visita nella città etrusca, colpito dalla gentilezza degli abitanti, decise di adottare Voltaire come nom de plume.

Sempre a favore di un legame tra questi nomi si esprimono, anche se con motivazioni diverse, due studiosi americani, rispettivamente nel 1929 e nel 1937. Ira Owen Wade sostiene che Voltaire avrebbe scelto lo pseudonimo in onore della città che aveva dato i natali allo scrittore latino Aulo Persio Flacco, di cui conosceva e apprezzava le opere.

Lawrence M Levin, invece, sostiene che ”potrebbe essere possibile, che per Arouet, il nome Volterra, abbia evocato una forte suggestione rispetto ad altri nomi di antiche città”. Infatti, anche se Volterra non è mai citata espressamente nell’opera di Flacco, l’autore del Candide conosceva il ruolo dell’antica Velathri all’interno della civiltà etrusca.

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag

Coronavirus, Gallera: «Luoghi di ritrovo chiusi dalle ore 18»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità