Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA18°31°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 28 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella: «Il vaccino è un dovere morale e civico»

Elezioni venerdì 03 maggio 2019 ore 18:08

Enrico Letta per Fare Volterra

L'ex primo ministro del consiglio, durante l'incontro volterrano, ha ribadito il suo appoggio al candidato sindaco Giacomo Santi



VOLTERRA — Molti i partecipanti che hanno assistito all'incontro pubblico dal titolo “Volterra nazionale/Volterra internazionale” per la lista #fareVolterra che, giovedì 2 maggio, ha avuto come ospite d’onore della serata Enrico Letta, ex presidente del Consiglio.

Al centro del dibattito, che ha visto protagonisti il candidato sindaco Giacomo Santi e l'ex primo ministro, la necessità che Volterra recuperi le relazioni con il territorio e con le istituzioni nazionali e internazionali che negli ultimi 10 anni si sono interrotti a causa di politiche isolazionistiche adottate dall'attuale amministrazione: “Noi siamo fermi e chi si muove, di certo non sta ad aspettare noi!” afferma Santi, che ha ricordato che “Insieme si può”, concetto che è diventato il mantra della campagna elettorale.

L'intervento di Enrico Letta ha ripercorso i cambiamenti che negli ultimi 50 anni hanno caratterizzato il mondo e ha evidenziato come l’Italia degli anni Sessanta fosse “un grande paese in un mondo piccolo” e, successivamente, con il progresso e lo sviluppo di paesi come Cina, India e Sudamerica, ha portato le nazioni europee ad essere “paesi piccoli in un mondo troppo grande”. Per questo l’importanza dell’Europa e dell'integrazione rende necessario che i paesi con la stessa storia, cultura e stile di vita, collaborino, affinché possano mantenere la loro identità e restare competitivi nello scenario internazionale. 

Letta, inoltre, scorge infinite possibilità per Volterra e, rispondendo alla domanda posta dal candidato sindaco su quali siano gli strumenti per riuscire a portare Volterra e la sua storia fuori dalle sue mura, consiglia di vedere gli esempi positivi di chi è riuscito a valorizzare il territorio, circondandosi di professionalità giuste e strutturando i progetti mirati. Le carte da giocare per valorizzare Volterra sono da spendere con l’Unesco e con la stessa Unione Europea. 

"L’importante - continua l'ex premier - è saper cogliere le occasioni che questo “grande” mondo ci offre e per farlo è necessario essere internazionali. Volterra ha, infatti, tutte le caratteristiche per concorrere tra le eccellenze del mondo tra cui la storia, la cultura, l’ambiente e lo stile di vita" e, ribadendo la bellezza e le potenzialità della città, ha dichiarato: “Se Giacomo Santi diventa sindaco, mi candido ufficialmente a diventare ambasciatore di Volterra nel mondo!”.

All’evento sono intervenuti Sandro Cerri, sindaco di Montecatini, che ha ribadito la necessità che Volterra, ritorni ad assumere un ruolo guida nell’Unione dei Comuni e i candidati della lista #fareVolterra Fabrizio Fabbri, Manuel Impellizzeri, Lorenzo Lazzerini ed Eleonora Salvini.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Comune di Volterra rilancia un appello che riguarda anche il territorio della Valdicecina. La Usl cerca alberghi sanitari
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cultura

Cronaca