QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 20°30° 
Domani 21°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 23 agosto 2019

Cultura giovedì 27 marzo 2014 ore 09:40

Il cimitero del manicomio di Volterra negli scatti di Nicola Bertellotti

Fenomenologia della Fine, la personale del fotografo di Pietrasanta, raccoglie una foto del cimitero in cui è sepolto Luigi Scabia, giovane direttore dell'ex-ospedale psichiatrico



VOLTERRA — Aperta fino al 30 marzo a Pisa, la mostra personale di Nicola Bertellotti fotografo originario di Pietrasanta classe 1976, specializzato in urbex, Urban Exploration. Le 25 fotografie selezionate per Fenomenologia della Fine, patrocinata dal Comune di Pisa e allestita nello spazio espositivo Sopra le Logge, raccontano differenti, definite storie: sguardi su strutture dismesse ed edifici lasciati a se stessi, ma che in un passato certe volte sorprendentemente poco lontano sono state noti centri di degenza, prestigiosi palazzi, giostre contese dai più piccoli, rumorose industrie affollate e brulicanti di operai, o semplicemente luoghi che ora non sono più niente, ma che qualcuno un tempo chiamava casa.
In particolare la foto Wind rise immortala il cimitero dell'ex ospedale psichiatrico di Volterra. In funzione dal 1887, il manicomio è stato di abbandono dal 1978, anno dell'applicazione della Legge Basaglia. Le lettere che i pazienti scrivevano ai familiari, durante la loro degenza in ospedale, non venivano considerate da parte dei medici ma venivano semplicemente raccolte nelle cartelle cliniche. Nel 1978 vennero prese in consegna e pubblicate nel libro Corrispondenza negata, epistolario contenente tutte le lettere originali ed integrali. Il giovane direttore Luigi Scabia (aprile 1900 - maggio 1934) volle essere sepolto in questo cimitero insieme agli altri poveri malati non reclamati dalle famiglie.
Fenomenologia della Fine è anche Contest di Storytelling: chi vorrà, potrà scegliere una delle fotografie esposte in mostra e farne la protagonista di un racconto inedito. Le storie, che non devono superare il limite delle 10.000 battute (spazi compresi), devono essere redatte in Word e inviate entro il 12 aprile agli indirizzi: info@civico29lab.org e cronaca.pisa@lanazione.net.
A chi volesse partecipare al concorso ma non potesse recarsi di persona in Logge, è dedicata un'apposita gallery online: per vederla, basta andare su http://www.civico29lab.org/news/13/58/Fenomenolog...



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Attualità