QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 10° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 23 febbraio 2019

Attualità venerdì 14 novembre 2014 ore 12:53

In dono il defibrillatore che può salvare una vita

Il Comune impegnato in un progetto per distribuire su tutto il territorio questi apparecchi semiautomatici in tutti i luoghi dove si fanno attività sportive



POMARANCE — “Preferiamo comprare un defibrillatore piuttosto che una porta o un pallone, perchè può salvare una vita”. Così Leonardo Fedeli assessore allo sport del Comune di Pomarance presenta il progetto 'Cuore sicuro': “tutte le associazioni sportive, e non solo, saranno dotate di un defibrillatore semiautomatico che può essere fondamentale in caso di emergenza”.
La consegna avverrà domani, sabato 15 novembre, alle ore 11 presso il Teatro De Larderel di Pomarance: durante l'amministrazione comunale donerà alle associazioni l'importante apparecchio e spiegherà il progetto, in un incontro aperto a tutta la cittadinanza.

Questi apparecchi funzionano in modo semplice: non c'è bisogno di un medico per utilizzarli e possono rivelarsi fondamentali in caso di arresto cardiaco. “Al momento – spiega Fedeli – il defibrillatore c'è solo allo stadio e alla palestra di Pomarance, ma con questa operazione li forniremo a tappeto ad ogni associazione e struttura: dove si fa sport o comunque attività fisica, il defibrillatore ci sarà, anche nelle frazioni”. Gli apparecchi, infatti, saranno consegnati per essere utilizzati a tutte le associazioni sportive che svolgono attività, anche in più di una sede, oltre che posizionati nei principali impianti del territorio comunale. “Li daremo – illustra l'assessore – alla palestra dell'Itis di Pomarance e sarà anche a disposizione degli studenti, alla piscina di Larederello oltre che alla palestra e al campo sportivo, all'Agresto di Montegemoli e Lustignano, al campo sportivo di Serrazzano, ma anche alla zona industriale al Pip e allo spazio Savioli a Pomarance, che è un luogo dove spesso si trovano molte persone”.

“Con questo progetto – spiega Fedeli – vogliamo garantire la qualità della vita e speriamo che i defibrillatori non servano mai, ma è importante anche solo sapere che ci sono e che in caso di bisogno siamo pronti e abbiamo fatto quello che era giusto”. “Non credo che ci siano tanti Comuni in Italia che dotano tutte le attività sportive di questi apparecchi in comodato d'uso – aggiunge l'assessore – ed è un'operazione che per le associazioni è a costo zero perchè noi abbiamo pensato non solo all'acquisto, ma anche alla manutenzione, gestione, e revisione di cui i defibrillatori hanno bisogno: tutti questi oneri per 8 anni li sosterrà il Comune”. “Le manutenzioni costano e vanno fatte anche se, come speriamo, gli apparecchi non verranno mai usati – spiega - tra 4 anni la batteria va cambiata, così come le piastre, e devono essere revisionati per garantire che funzionino”.

Per poterlo utilizzare basta aver fatto un piccolo corso e Fedeli annuncia che “il Comune ha pensato anche a questo: abbiamo preso contatti con le Misericordie del territorio che si sono rese disponibili a tenere corsi di formazione ai volontari delle associazioni che riceveranno il defibrillatore”. “Dopo il corso – aggiunge l'assessore- per essere abilitatiti bisogna sostenere un esame pratico al 118 di Pontedera; il direttore della Asl Rocco Damone, che ho contattato, si è detto disponibile ad attivare un esame a titolo gratuito per i volontari delle nostre associazioni sportive”.

Alessandra Siotto
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità