comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17°28° 
Domani 16°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 14 luglio 2020
corriere tv
Antonio Razzi ‘imita' il Gladiatore Russell Crowe (con una pentola in testa)

Attualità lunedì 21 novembre 2016 ore 10:14

La scomparsa delle vinerie

Sul colle aumentano ristoranti ed enoteche, ma gli antesignani dei wine bar non ci sono più e con loro "i Terricciola", "i Chianni" o "i Montescudaio"



VOLTERRA — Con il trascorrere del tempo, le città, grandi e piccole, cambiano volto, si trasformano. Scompaiono molti punti di riferimento e di aggregazione che, invece, rimangono indelebili nella memoria di chi li ha frequentati perché intramontabili. Oggi, a Volterra, sono cresciuti i luoghi di ritrovo, i bar, le gelaterie e i ristoranti ed enoteche in cui è possibile degustare vini e assaggiare prodotti tipici del territorio. Sono scomparse, però, le vinerie che, nel centro storico e nelle borgate, erano, fino agli anni Sessanta, frequentatissime da cittadini di ogni estrazione sociale e professionale.

Gli interni dei locali erano spartani: un bancone occupato dal proprietario intanto a distribuire i tradizionali bicchieri chiamati ‘riparelle’ e qualche raro liquore. I tavoli erano in legno, con i piani in marmo, che testimoniavano il proprio vissuto, presentando tracce indelebile di archeologia enologica. Gli avventori, generalmente, univano la degustazione a interminabili partite a briscola e tre sette. Storiche e ben consolidate coppie di giocatori si sfidavano fino a notte fonda o fino all’ora della cena.

La classificazione del “nettare di Bacco” comprendeva le due macro-categorie ‘bianco’ e ‘rosso’ (spesso definito ‘nero’) e l’unico riferimento distintivo, tra bevande delle stesso genere, era la località di provenienza: i Terricciola, i Chianni, Montescudaio o Castellina.

Le luci fioche e la coltre di fumo che permeavano le stanze contribuivano a creare un’atmosfera luciferina, caratterizzata da affermazioni categoriche di valenza politica e da battute tipiche dell’umorismo toscano.

Tra i locali più frequentati c’erano: La Punta a Santo Stefano, da Dania a Sant’Alessandro e, in via Giusto Turazza, Maccarano. Quest’ultimo esibiva, appesa alla parete, una targa rimasta proverbiale e seguita alla lettera da molti avventori: “Chi vuole avere il fegato sano/beva il vino di Maccarano”.

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità