Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:VOLTERRA11°19°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 17 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Israele, Erdogan a Biden: «Stai scrivendo la storia con le tue mani insanguinate»

Attualità martedì 17 febbraio 2015 ore 16:31

"L'accoglienza proseguirà e non è business"

Il sindaco Buselli replica duramente alle accuse mosse da alcuni partiti di destra in merito ai progetti per i richiedenti asilo gestiti dal Santa Chiara



VOLTERRA — "A fronte delle continue richieste di chiusura del progetto di accoglienza profughi a Volterra, promosse dal gruppo Destra volterrana e appena reiterate dal Club Forza Silvio Volterra e Noi con Salvini Volterra, comunico ufficialmente a nome dell'Amministrazione comunale, come peraltro già preannunciato, che i progetti di accoglienza continueranno". A sottolinearlo in una nota stampa è oggi, 17 febbraio, il sindaco di Volterra Marco Buselli che così risponde chiaramente a chi vorrebbe che a Volterra non si ospitassero più i richiedenti asilo.
Da alcuni mesi, nell'ambito dei progetti di accoglienza gestiti nell'emergenza dalle Prefetture come avviene in tutta la Toscana, anche nella città etrusca sono ospitati una ventina di richiedenti asilo, accolti presso la ex scuola elementare e gestiti dall'Asp Santa Chiara, come già era accaduto in passato.

"Diffido chiunque dal parlare di 'business' - aggiunge Buselli - perchè il Santa Chiara gestisce in maniera oculata ed opportuna il progetto, avendo peraltro maturato nel tempo adeguata esperienza in materia".
"L'esperienza volterrana, che ha portato anche qualche ospite negli anni ad inserirsi nel tessuto sociale e produttivo del territorio - prosegue il sindaco - è stata giudicata positivamente anche dalla Prefettura di Firenze".

Il primo cittadino coglie poi l'occasione "per ringraziare l'Azienda Pubblica Servizi alla persona Santa Chiara, le Forze dell'ordine, i volontari di Croce Rossa e Misericordia, l'insegnante di lingua italiana e tutti coloro che, a vario titolo, permettono che questa esperienza vada avanti, nel segno dell'integrazione e del dialogo tra i popoli".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I nuovi casi di positività al coronavirus, seppur pochi, diventano un campanello d'allarme se rapportati alla popolazione residente
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca