Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:VOLTERRA-0°8°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 30 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
I gessi rossi nel mezzo al Parco di Montioni in Toscana: lo scempio dell'ex cava diventata discarica (con materiali cancerogeni)

Attualità lunedì 19 giugno 2017 ore 12:00

Ma la voce resta

Un momento dello spettacolo

In uno spettacolo teatrale, gli studenti del Liceo Classico Carducci di Volterra raccontano la contemporaneità degli autori greci e latini



VOLTERRA — Il mondo della scuola, raccontato attraverso la lettura degli autori classici e moderni, è stato al centro dello spettacolo teatrale Ma la voce resta, realizzato dagli studenti del Liceo Classico Carducci di Volterra. Da Platone ad Aristofane, da Orazio a Seneca, fino ad arrivare a Collodi, Calvino e Pennac, gli allievi delle classi II, III e IV A hanno fatto rivivere testi legati al presente e al passato, ma estremamente contemporanei.

L’attualità dei brani, infatti, ha permesso di riflettere sulla continuità e sui punti di contatto che, nonostante i secoli trascorsi e le differenze geografiche, accomuna l’universo della cultura. Un’eredità, quella greca e latina, che, come un’eco, è ancora in grado di insegnare e di far di cogliere nella loro interezza e complessità le dinamiche della formazione.

“Lo spettacolo fa parte del progetto Passi nel tempo archeologia – commenta la referente, la professoressa Gianna Pasquinelli - viene realizzato nel nostro Istituto dal 2007. È stato ideato per arricchire l’offerta formativa della scuola e per avvicinare gli studenti, in modo concreto e consapevole, alle testimonianze storiche e archeologiche del nostro territorio, così ricco e stimolante sotto questo aspetto. Il lavoro si pone finalità in armonia con gli studi classici che, continuamente, ci chiamano a riflettere sui rapporti tra passato e presente, rapporti che oggi, più che mai, appaiono vivi e ricchi di contenuti".

"Il lavoro, in questo anno scolastico - prosegue Pasquinelli - si è incentrato sull’importanza dell’archeologia per lo studio e la ricostruzione di fatti storici, sulla permanenza delle cose passate fra gli uomini e, in particolare, sul mondo della scuola. Attraverso la recitazione e lettura espressiva di testi greci, latini e moderni, che trattano il tema della formazione e dell’istruzione dei giovani e su alcuni oggetti, che simboleggiano reperti archeologici, è stato ricostruito uno spaccato di vita scolastica nell’antichità, con uno sguardo anche a epoche più recenti. Gli studenti hanno, così, dato voce alle emozioni dei loro “colleghi” in altri momenti della storia, facendo conoscere agli spettatori l’attualità e la vivacità dell’argomento.”

Lo spettacolo, realizzato grazie al lavoro delle professoresse Gianna Pasquinelli e Lucia Ghilli in collaborazione con Simone Migliorini, fondatore del Festival Internazionale del Teatro Romano, si è svolto mercoledì 14 giugno al Teatro di S. Pietro Carte Blanche di Volterra con grande partecipazione di studenti e di pubblico.

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore altri 6 pomarancini sono risultati positivi al coronavirus. Gli altri due casi in altrettanti Comuni del territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Politica

Attualità

Attualità