Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:42 METEO:VOLTERRA15°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 02 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La madre di Navalny sulla tomba del figlio il giorno dopo funerali

Politica venerdì 06 ottobre 2023 ore 09:30

Dimissioni nel PD provinciale, ecco chi lascia

Piano rifiuti, gestione di Acque e spaccatura tra Palaia e Peccioli: dalla segreteria se ne vanno in 5, mentre Sabatino invoca l'unità del partito



CASCINA — Alla fine, la bomba è deflagrata anche nella segreteria provinciale del Partito Democratico. Nella riunione di ieri, giovedì 5 Ottobre, si sono infatti presentati come dimissionari 5 membri dell'organo del partito, dei quali 4 in aperto contrasto con la linea seguita non solo dal segretario Oreste Sabatino, ma anche dal PD regionale.

Si tratta della vicesegretaria Linda Vanni, tra l'altro già candidata dal PD di Montopoli in Val d'Arno per le comunali del 2024, il sindaco di Castelfranco di Sotto Gabriele Toti, l'assessore di Palaia e responsabile Ambiente per il partito, Roberto Fiore, e la vicesindaca di Calci, Valentina Ricotta. In poche parole, tutti appartenenti all'area della segretaria nazionale, Elly Schlein.

Un terremoto che è arrivato dopo l'approvazione del Piano rifiuti da parte del Consiglio regionale e che è stato reso inevitabile non solo dalla partita legata ad Acque Spa, per la quale i soci pubblici hanno rimandato l'ultima riunione senza accordo, ma anche dalla polemica tra Palaia e Peccioli sui progetti di ampliamento della discarica di Legoli e del nuovo impianto di ossicombustione. In quest'ultimo caso, 10 sindaci del PD hanno espresso solidarietà al sindaco Marco Gherardini, denotando un forte malessere interno.

"Quello che sta avvenendo in queste ore non ha nulla a che fare con la politica, con le regole che si è data la nostra comunità e con il messaggio mandato da Roma dalla segretaria Schlein - ha commentato Sabatino - ciò che più dispiace è che, a pochi mesi da importanti elezioni amministrative, si è deciso di portare avanti una campagna di attacchi strumentali, il cui unico risultato è quello di indebolire tutto il partito pisano".

Per il segretario provinciale, la questione ha più a che fare con dissapori personali, che con la politica. "I temi oggetto di discussione nella direzione sono stati già affrontati, discussioni interne al partito provinciale ci sono state, a differenza da quanto accaduto nel partito regionale che, nonostante la richiesta di direzione su un tema delicato come quello dei rifiuti, è andato avanti senza alcuna discussione - ha commentato - auspico che chi ha a cuore davvero questo territorio lasci da parte le questioni personali e quelle riguardanti il passato congresso, ma riprenda a lavorare per rafforzare il nostro partito: in ballo c’è il futuro dei nostri Comuni, che nessuno di noi, spero, vuol lasciare alla destra".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno