Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA18°33°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 27 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Cos'è la sindrome da long Covid e chi rischia di più?

Politica lunedì 10 gennaio 2022 ore 17:26

"Uscite populiste di Democrazia civica"

Il palazzo comunale di Pomarance (foto di repertorio)

La sindaca Bacci e l'amministrazione di Pomarance risponde al gruppo di minoranza, che invocava l'istituzione della zona rossa sul territorio



POMARANCE — La sindaca Ilaria Bacci e l'amministrazione di Pomarance rispondono in via ufficiale agli esponenti di Democrazia civica, dopo che, in un comunicato congiunto con il Comune di Volterra, era stata richiesta unità e collaborazione in un momento delicato per la comunità pomarancina.

"Evidentemente l'appello all'unità e alla responsabilità cade nel vuoto di fronte a chi persevera con uscite populiste e demagogiche, facendo propaganda sulle paure delle persone, in un momento così delicato - hanno spiegato - Democrazia Civica ha invocato l'istituzione della zona rossa nel nostro Comune, ma se il capogruppo avesse partecipato all'ultimo Consiglio comunale del 29 Dicembre avrebbe saputo che a Pomarance, come nel resto della Toscana e dell'Italia, i contagi erano cresciuti già da diversi giorni, subito dopo Natale".

"Sull'istituzione della zona rossa preme evidenziare che la situazione di Pomarance è analoga a quella generale, non è tale da giustificare misure diverse da quelle vigenti e maggiori restrizioni avrebbero come unico effetto ulteriori penalizzazioni per le attività già in ginocchio, sulla scuola e sui servizi  - hanno continuato -  ma ciò che il gruppo di Democrazia civica forse ignora è che, in base alla normativa vigente, il sindaco non ha potere di istituire zone di qualunque colore. I provvedimenti limitativi possono essere adottati dal Governo o eventualmente dal Presidente della Regione, con colori e parametri su base regionale e non locale".

"Per due anni abbiamo mantenuto toni bassi, ignorato le proposte provocatorie, le dichiarazioni a mezzo stampa o sui social network, lavorando senza sosta, cercando di fare il meglio per la cittadinanza in una lunga fase emergenziale e straordinaria - hanno concluso - ma adesso non siamo più disponibili a tollerare lezioncine da chi snocciola ricette semplici per situazioni complicate e per mero interesse politico. Continueremo ad ascoltare proposte concrete, ma se esistessero soluzioni facili per gestire la pandemia, crediamo che sarebbero già state adottate ben prima dei preziosi consigli di Democrazia civica".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, giovedì 26 Maggio, leggero aumento di nuovi contagiati. Più casi anche in Provincia di Pisa e oltre 11mila tamponi effettuati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità