Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:15 METEO:VOLTERRA14°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 16 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità giovedì 21 gennaio 2016 ore 12:03

L'arte di Fedeli conquista il pubblico

Il resoconto della mostra-evento, cui hanno partecipato il regista Armando Punzo e il sindaco Loris Martignoni. Molti gli spettatori. Le foto



POMARANCE — Grande successo per l'inaugurazione della mostra di pittura Apple Orange Roots – Radici pomarancine di Giada Fedeli, organizzata - con il patrocinio del Comune di Pomarance - dall'associazione Officina Rolandi, associazione nata con lo scopo di tenere sempre vivo, attraverso iniziative culturali, il ricordo della giornalista Piera Rolandi che amò il territorio.

Un commovente e, allo stesso tempo, sorprendente viaggio attraverso i ricordi dell'infanzia e della giovinezza, un tuffo in apnea nelle radici del proprio essere, un esposizione, attraverso la trasposizione pittorica della profonda ferita che genera l'arte. L'inaugurazione si è svolta il 16 gennaio ( la mostra sarà visitabile fino al 24 gennaio) nel Teatro dei Coraggiosi di Pomarance alla presenza, oltre che dell'autrice, del sindaco Loris Martignoni, dell'assessore alla Cultura Ilaria Bacci, del Mons. Renzo Chesi, del regista Armando Punzo, del professor Dario Danti e di Patrizia Pruneti in rappresentanza dell'associazione Rolandi.

Numeroso e coinvolto il pubblico presente, giunto anche da molto lontano, che ha affollato il teatro in ogni ordine e grado e che poi ha attraversato tutto il centro storico fino a giungere nella bellissima chiesa di San Giovanni Battista nello storico quartiere del Marzocco. La mostra che ha infatti letteralmente invaso tutta Pomarance, a partire dalla bellissima istallazione nel Teatro dei Coraggiosi, fatta di grandi tele posizionate tra i palchi e sul palcoscenico e da un suggestivo e commovente montaggio sonoro dal quale sono emerse tra i ricordi, le voci graffianti di Carmelo Bene e Anna Magnani.

Dopo gli interventi il pubblico ha iniziato un percorso guidato dall'artista che si è snodato attraverso il centro storico lungo il quale bar, ristoranti, negozi, banche e anche il palazzo comunale, esponevano a vista le opere dell'artista. Il percorso si è concluso alla chiesa sulla cui facciata era presente una grande istallazione visiva e luminosa. All'interno sugli altari e in diversi luoghi erano esposte altre opere ispirate al sacro che hanno trattenuto fino a tarda ora i convenuti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Incendio in una azienda casearia di Volterra. Le squadre dei Vigili del Fuoco sono state impegnate tutto il giorno nelle operazioni di spegnimento
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca