Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:00 METEO:VOLTERRA17°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
In Colombia arrestato Dario Antonio Usuga: era il narcotrafficante più ricercato del Paese

Politica martedì 20 novembre 2018 ore 09:19

Salvare la geotermia, da Pd e Lega mosse separate

I rappresentanti Pd a Pomarance per salvare la geotermia

Summit dem ieri a Pomarance, con la segretaria regionale Bonafè, mentre i rappresentanti locali della Lega al governo si sono trovati a Castelnuovo



POMARANCE — Il Partito democratico si schiera deciso dalla parte della geotermia e dei territori geotermici, chiedendo ad alta voce al governo Lega-M5s di rivedere il decreto che toglie allo sfruttamento di vapori del sottosuolo la qualifica di energia rinnovabile e, conseguentemente, anche gli incentivi da essa derivanti.

A Pomarance, ieri, c'erano la segretaria regionale Simona Bonafè, il segretario provinciale Massimiliano Sonetti, i tre consiglieri regionali Antonio Mazzeo, Andrea Pieroni e Alessandra Nardini, nonché Massimo Malfetti e Gianni Anselmi.

“Tenendo conto che la produzione di energia geotermica si concentra in Toscana - queste le parole di Bonafè - , la scelta del governo di eliminare gli incentivi per questo tipo di fonte rinnovabile appare come una vera e propria penalizzazione mirata, contro il nostro territorio, la sua industria d’eccellenza e i 3mila posti di lavoro impiegati. Ma amministratori e parlamentari toscani di Lega e Movimento 5 Stelle hanno una qualche voce in capitolo a Roma nei confronti delle scelte del loro stesso governo?”

“Chiediamo al governo il ripristino degli incentivi - ha concluso la segretaria regionale -. E’ inaccettabile togliere finanziamenti che garantiscono i posti di lavoro e sviluppo per andare a investire nell’ assistenzialismo per far fronte alla disoccupazione”.

"La cosa maggiormente preoccupante - ha sottolineato Sonetti - e per la quale il Partito Democratico si batterà a denti stretti nei prossimi mesi è la questione dei lavoratori, ci sono famiglie che potrebbero perdere il posto di lavoro e questo non lo possiamo assolutamente permettere, non solo per i valori che ci contraddistinguono da sempre ma anche per gridare con forza che il Partito Democratico a differenza di chi passa la sua giornata a regalare spray al peperoncino in cambio di tessere e a litigare con Selvaggia Lucarelli come se fosse una tronista di uomini e donne, se necessario scenderà a Roma per protestare di fronte al ministero a fianco delle famiglie fin tanto che non saranno reintrodotti gli incentivi".

"Con l’occasione - ha aggiunto Sonetti - comunico che il Pd aderirà alla manifestazione prevista in data 1 dicembre a Val di Cecina".

Anche gli esponenti locali della Lega, per quanto il Carroccio sia al governo, si sono schierati a favore della geotermia, in aperto contrasto con il M5s e Luigi Di Maio, responsabile del dicastero che ha cancellato la fonte geotermica dalle rinnovabili. 

Gli esponenti leghisti si sono trovati a Castelnuovo Val di Cecina, ospiti del sindaco Alberto Ferrini. Erano presenti l'onorevole Manfredi Potenti, Milco Melchionno, per il coordinamento politico, Roberto Biasci, Consigliere regionale. 

"Susanna Ceccardi - ha riferito il primo cittadino -, che ricopre un importante ruolo regionale e nazionale nella Lega, ha seguito i nostri lavori da Roma. Dopo i contatti da me stabiliti con alcuni esponenti del Governo, proprio grazie all'interessamento di Susanna Ceccardi, abbiamo valutato positivamente questo primo incontro, utile a rappresentare a livello politico e governativo il quadro chiaro dei rischi derivanti dalla paventata perdita degli incentivi alla produzione geotermica, nonchè sulle possibili strategie da intraprendere per apportare le necessarie modifiche alla bozza di Dm, in difesa di una risorsa nazionale".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Prima fase di demolizione del Padiglione Carlo Livi. Si tratta di un edificio ormai fatiscente, parte della memoria manicomiale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca