Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:26 METEO:VOLTERRA16°25°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, caos dopo il derby: Mourinho furioso lascia la conferenza stampa

Politica venerdì 21 luglio 2017 ore 11:00

Prende il via Adotta Riparbella

Monica Marraffa

Il progetto caldeggiato dall'amministrazione comunale e approvato in consiglio viene raccontato dall'assessore Marraffa



RIPARBELLA — E' pronto a partire, come promesso già in campagna elettorale, il progetto Adotta Riparbella. Lunedì prossimo alle 21,15 nella sala del consiglio, il sindaco ha convocato il neo costituito osservatorio che vedrà la presenza di tutti i soggetti coinvolti nella gestione dei rifiuti, da Rea alla scuola passando per l’associazione rifiuti zero ai tecnici comunali e ovviamente i cittadini.

"L’avvio del progetto - ha commentato l'assessore all'urbanistica Monica Marraffa -, approvato all’unanimità da tutto il consiglio comunale lunedì scorso, è stato un altro segnale importante di cui siamo molto contenti. La missione che il consiglio ha delegato a noi amministratori è quella di aprire un canale diretto con la comunità promuovendo un diverso rapporto con il cittadini che, quando vogliono, possono diventare parte attiva, riconosciuta, responsabile e solidale nella gestione dei beni comuni. Siamo convinti che i cittadini della nostra comunità siano portatori non solo di bisogni ma anche di capacità e siano perfettamente in grado di prendersi cura dei beni comuni insieme con l’amministrazione comunale e probabilmente anche meglio di essa in diversi casi. Abbiamo preso spunto dalla storia millenaria della nostra comunità dove negli Statuti del XIV secolo, ad esempio, la pulizia delle strade era affidata direttamente ai cittadini il sabato mattina e da recenti realtà come quella della “vasca”, ex fontana in disuso e abbandonata da tempo, trasformata negli ultimi anni dai cittadini in una piccola oasi di fiori".

L'assessore ha aggiunto: "Curiosamente questa assunzione di responsabilità e volontariato dei cittadini non è stato mai ufficializzato in alcun atto del comune fino alla nostra delibera di giunta, uno dei primissimi atti da quando ci siamo insediati, testimonianza di quanto crediamo nelle capacità dei nostri cittadini e nel rapporto alla pari con loro. La prossima tappa - ha continuato Marraffa - è predisporre proprio con i cittadini e i tecnici comunali una ricognizione di tutti i beni comunali idonei ad essere potenzialmente adottabili per poi passare alla fase operativa in cui saranno gli stessi cittadini, singolarmente, in associazione o impresa, a suggerire come gestire le manutenzioni e quindi migliorare il decoro del paese".

L'assessore ha poi concluso: "Abbiamo preso spunto anche dall’art.118 ultimo coma della nostra costituzione che prevede espressamente che i cittadini possano attivarsi autonomamente nell’interesse generale impegnando i Comuni a supportare tali iniziative. Da parte nostra vigileremo per far sì che i cittadini, volontari o imprenditori, rispettino gli accordi presi e per questo abbiamo iniziato a verificare il rispetto delle convenzioni con cui chi ha costruito si è obbligato ad opere di interesse pubblico, dalle rotonde alle strade. Sono impegni presi con l’amministrazione e quindi con i cittadini e devono essere rispettati nell’interesse di tutti. Ad oggi abbiamo avuto piena disponibilità da parte degli imprenditori contattati ad onorare gli impegni previsti nelle convenzioni e ancora non eseguiti, ci stiamo impegnando da subito perché sia recuperato il tempo perso".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il report regionale fotografa, provincia per provincia, le ultime ore sul fronte epidemico: 16 nuove positività nel territorio pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità