comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:VOLTERRA-2°8°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 18 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Calenda telefona in diretta, Mastella si alza e se ne va: lo scontro in diretta da Lucia Annunziata

Attualità mercoledì 17 giugno 2015 ore 16:58

"Regione e Governo ci aiutino con la Smith"

Buselli e Rossi, immagine di repertorio

Buselli scrive a Rossi e torna anche sulle royalties Solvay e sull'ospedale



VOLTERRA — "Abbiamo bisogno del supporto autorevole della Regione Toscana e del Governo nazionale, riguardo alla vicenda che sta interessando i 193 lavoratori dell'azienda Smith Bits di Saline di Volterra, che si occupano della realizzazione di scalpelli per le trivellazioni petrolifere". Così il sindaco di Volterra Marco Buselli in una lettera inviata al riconfermato presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.
"Ti ringrazio per come, anche attraverso il dottor Paolo Tedeschi, finora la Regione ci sta supportando" scrive Buselli a Rossi che aveva aperto un ufficio distaccato della presidenza della Regione a Volterra per seguire la vertenza di Saline.

"A livello più generale" il sindaco di Volterra chiede al Governatore "di attivare, come avevi promesso entro giugno, la richiesta di una convocazione presso il Ministero, al fine di avviare una discussione che porti alla definizione della questione delle royalties della Solvay e di un più articolato Accordo di programma per lo sviluppo del Volterrano e della Valle del Cecina".

Nella lettera il primo cittadino sollecita Rossi anche sul tema degli ospedali, citando "le ultime indagini del Sant’Anna sull'efficienza e l'efficacia delle aziende sanitarie locali". Buselli chiede "che si vada davvero a rivedere con coraggio l'assetto delle Aziende ospedaliere universitarie e dei numerosi doppioni che ci sono in Toscana".



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

L'EDITORIALE