comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 15°26° 
Domani 14°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 02 giugno 2020
corriere tv
Dl Rilancio, Conte: «Eliminata la prima rata Imu per hotel e stabilimenti balneari»

Attualità venerdì 16 ottobre 2015 ore 15:01

Royalties Solvay, una mozione in Regione

L'hanno presentata i consiglieri regionali pisani del Partito Democratico Pieroni, Mazzeo e Nardini. In ballo c'è un milione e mezzo di euro



VOLTERRA — “Destinare alla Val di Cecina le royalties derivate dall’estrazione del sale che ogni anno Solvay versa ai Monopoli di Stato, circa 1milione e mezzo di euro”. E’ l’impegno che chiedono alla giunta regionale i consiglieri del Pd Andrea Pieroni, Antonio Mazzeo ed Alessandra Nardini che sul tema hanno depositato una mozione. 

Il documento, di cui Pieroni è il primo firmatario, passerà al vaglio della prossima assemblea di Palazzo Panciatichi. 

“Le royalties sono risorse preziosissime in un momento difficile come questo attuale segnato da crisi industriali molto pesanti come la situazione Smith e le difficoltà della ex salina di Stato, oggi gestita da Locatelli - sottolinea Pieroni - Chiediamo alla giunta che si adoperi presso il Governo affinché, già dalla prossima Legge di Stabilità, si apra subito un tavolo di confronto per destinare le royalties alla Val di Cecina". 

"L’obiettivo è che l’intero ammontare che deriva dalla coltivazione del salgemma da parte di Solvay, circa 1milione e mezzo di euro l’anno - spiega il Consigliere - possa essere impiegato sul territorio in cui si effettua l’estrazione, a sostegno dello sviluppo dell’occupazione, delle attività economiche, e per interventi di miglioramento ambientale”.

Il contratto di collaborazione industriale fra Solvay e l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di stato (AMS) per l’estrazione di acque salse nelle concessioni minerarie dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato risale al 1996. Questo contratto regola sia il quantitativo massimo estraibile che i pagamenti.

Nella mozione sottoscritta dagli esponenti del Pd regionale è spiegato che “si tratta di dare piena attuazione al protocollo d’intesa siglato nel 2012 con cui la Regione si impegna a convocare un tavolo di confronto per la stipula di un accordo di programma in cui venga sottoscritto l’impegno da parte dei firmatari di devolvere gli oneri finanziari corrisposti da Solvay alla Regione e al Ministero, a progetti di sviluppo che ricadano direttamente sul territorio in modo che possano essere impiegati in opere di tutela e ripristino ambientale capaci anche di trasformasi in motore di nuova occupazione”.

Nel documento si fa riferimento anche a sollecitazioni già fatte in passato in questo senso. Nel 2012 l’assessore all’ambiente scriveva al Ministro dell’Economia e Finanze affinché gli oneri minerari potessero essere impiegati sul territorio in cui viene effettuata l’estrazione di salgemma, in particolare per l’attuazione di progetti di tutela ambientale che compensino le pressioni che nel tempo l’attività estrattiva ha prodotto.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca