QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 13° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 22 novembre 2019

Attualità mercoledì 01 marzo 2017 ore 15:34

Scissione Pd, i dubbi della sezione volterrana

Gli esponenti locali: "Difficile da capire, lascia l'amaro in bocca. I candidati Orlando, Emiliano e Renzi avranno un confronto serio e leale"



VOLTERRA — La scissione nel Pd iniziata con l'abbondono del candidato segretario Enrico Rossi ha lasciato perplessi gli esponenti della sezione volterrana: "E' difficile da capire - hanno detto - assistere alla rottura avvenuta all'interno del Pd, che inesorabilmente si è consumata, lascia l'amaro in bocca. La forza del Partito Democratico è nella sua pluralità, nelle idee diverse che portano ricchezza, nelle diversità delle persone che vi fanno parte e che in esso credono. Quando è stato pensato il progetto del Pd questi erano i presupposti per fondare una nuova forza per una nuova cultura politica".

"Come tutte i divorzi - hanno ripreso - le responsabilità sono da ricercare in ambedue le parti, ma in questo caso questa scissione è molto difficile da capire quando si ha la responsabilità di un Paese e gli interessi dei nostri cittadini da tutelare e difendere. Specie in un momento così complicato e pericoloso che vede in Europa e nel mondo rafforzarsi sempre più le correnti di destra ed il populismo più pericoloso".

"L’intervento della Consulta sulla legge elettorale ha, di fatto, riaperto la possibilità, con il sistema proporzionale, di far nascere nuovi movimenti o partiti che, pur gravitando nella stessa area politica si presentano alternativi fra loro e disposti a coalizzarsi solo in occasioni elettorali. Un passo indietro a nostro avviso nei confronti della stabilità e della governabilità del nostro paese".

"In quest’ottica, è fuori discussione che la scelta di uscire di dirigenti storici del Pd e di nostri esponenti locali, sia da rispettare, ma non si può allo stesso tempo condividere. L'aria di smarrimento che si respira tra i nostri iscritti e simpatizzanti è forte; riteniamo che solo restando nel partito si possono fare le battaglie per i diritti e i cambiamenti di cui questo Paese ha bisogno e dobbiamo tornare a farlo attraverso i contenuti e la forza delle idee. Ben vengano diverse candidature che discutono su idee e forma partito, questo ci può solo rafforzare. La storia delle fratture passate nei partiti di sinistra e centro sinistra, con relativi distruttivi risultati, non ci sembra abbiano insegnato nulla. Nel panorama politico nazionale crediamo ci sia sempre più bisogno di un Partito Democratico e ci auguriamo che il congresso sia lo strumento democratico per confrontarci e trovare una nuova sintesi politica. Ci auguriamo, inoltre, che le divisioni interne non influenzino quei livelli di ottima condivisione già avviati in molte realtà territoriali, garanzia per le buone risposte che i nostri cittadini aspettano".

Per quanto riguarda il congresso il Pd Volterra ha commentato: "Abbiamo avviato la fase congressuale in modo trasparente e pubblico: siamo l’unico Partito che lo fa e che condivide anche ogni passaggio e dibattito interno pubblicamente. Abbiamo vissuto senza filtri con sofferenza la scissione che si è avuta all'interno del partito, ora ci aspetta la data del 30 aprile per lo svolgimento delle Primarie".

"Un'occasione importante di partecipazione democratica, popolare e diffusa sul territorio. In campo sono scesi tre candidati, Orlando, Renzi, Emiliano, dai quali non mancherà, viste le personali capacità, un serio e leale confronto su idee e programmi. Sarà a nostro avviso un confronto interessante in cui poter discutere di proposte innovative e nel quale poter avviare un bel dibattito, sulle idee e sulla forma partito. E' questo il terreno e questa l’occasione dove porre domande, apportare contributi positivi o critici, non perdendo mai di vista gli interessi ed i diritti dei nostri cittadini e del Paese".



Tag

Libia, Conte: «Lavoriamo per un rapido cessate il fuoco»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Politica