Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:VOLTERRA17°35°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 02 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Sinner domina Isner e per la prima volta vola agli ottavi di Wimbledon

Attualità venerdì 17 luglio 2015 ore 17:33

Smith: siglato l'accordo, ora tocca al Ministero

Per i sindacati raggiunti 3 obiettivi: "mantenimento attività produttiva, attivazione CIGS e Tavolo Ministeriale per il mantenimento dei livelli occupazionali"



VOLTERRA — "Si è conclusa stamane, con la sottoscrizione in Provincia di un verbale di accordo per l'attivazione della Cassa Integrazione Straordinaria, un’ ulteriore tappa della difficile vertenza della Smith Bits di Saline di Volterra". Sono il segretario generale Cgil di Pisa Marcello Franchi e quello della Fiom/Cgil di Pisa Gianfranco Francese a informare, in uno scarno comunicato, in merito all'esito dell'incontro di questa mattina a Pisa fra l'azienda Smith, rappresentata dall'amministratore delegato Giuseppe Muzzi  e le rappresentanze sindacali, in merito alla fabbrica di trivelle di Saline di Volterra

Un incontro molto atteso sul quale i segretari riferiscono che "tre obiettivi, mantenimento attività produttiva, attivazione CIGS e Tavolo Ministeriale per ottenere il mantenimento dei livelli occupazionali, sono stati tutti colti nell’accordo di oggi e che andranno perfezionati nei prossimi giorni con l’insediamento del Tavolo Ministeriale come richiamato anche oggi nel verbale sottoscritto".

I sindacati ripercorrono poi "brevemente la trama di questa vertenza, apertasi il 27 aprile con la comunicazione della Smith Bits di voler procedere alla chiusura dell’ impianto di Saline, per poter misurare correttamente i risultati raggiunti grazie all’impegno straordinario dei lavoratori e del sindacato insieme a tutte le istituzioni e al sostegno della popolazione dell’intera Valdicecina".

"In questa ottica - proseguono Franchi e Francese - devono essere, perciò, considerati positivamente il proseguimento dell’ attività produttiva rispetto alla preannunciata chiusura e l’ attivazione degli ammortizzatori sociali per rendere possibile l’ apertura di un tavolo al Ministero dello Sviluppo Economico per individuare e promuovere attività alternative in grado di mantenere gli attuali livelli occupazionali".

"Un risultato, questo, coerente con il mandato sempre conferito dai lavoratori e finalizzato ai tre obiettivi suesposti - aggiungono - tutti colti nell’accordo di oggi".

"Una vertenza scandita da ripetuti passaggi assembleari e da due votazioni che hanno dato in ambo i casi un mandato inequivocabile alla RSU ed al sindacato - si legge ancora nella nota - Un percorso di mobilitazione e negoziazione molto partecipato che oggi si concretizza con l’attivazione di quell’ammortizzatore sociale che può consentire di guardare avanti con fiducia rispetto ai risultati che potranno e dovranno scaturire dall’impegno congiunto di Governo, Regione e Istituzioni della Valdicecina per la salvaguardia dei livelli occupazionali.

"Massimo impegno all’insegna di serietà e responsabilità, senza facili proclami, continueranno, perciò, a contrassegnare l’azione sindacale - concludono i segretari  provinciali - anche nelle prossime settimane per raggiungere l’obiettivo finale di evitare la perdita in Valdicecina di anche uno solo dei posti di lavoro della Smith Bits".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con oltre 17mila tamponi effettuati in Toscana, meno positività giornaliere in Alta Valdicecina e nella Provincia di Pisa. Ecco i Comuni interessati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità