Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA17°26°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 16 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, incidente tra filobus 90 e un'auto: almeno dieci passeggeri contusi

Attualità giovedì 20 maggio 2021 ore 12:42

Prodotti e piatti tipici pisani, ci guida Cardini

Franco Cardini

Ecco l'itinerario enogastronomico nel Pisano proposto da Artex. E' presentato dallo storico Franco Cardini, ora pubblicato su Artour Toscana



PISA — Ci sono le “cèe” (le “ceche”), anguille poco più che neonate celebrate anche nelle poesie in vernacolo nel 1872 da Renato Fucini. E poi lo “stoccafisso” cucinato con patate, cipolle, pomodoro e basilico oppure il “baccalà” ammollato, il “bordatino”, una variante della farinata, la trippa in umido o la carne di Mucco Pisano, da fare alla griglia.

E' un viaggio scandito dai sapori dei piatti tipici della tradizione quello proposto da La Cucina di Pisa, uno degli 8 percorsi enogastronomici proposti da Artour Toscana, progetto di Artex che offrire ai viaggiatori (e ai toscani) spunti per conoscere la regione attraverso percorsi fuori dei circuiti di massa e promuovere un turismo culturale lento, consapevole, sostenibile. A fare da guida in questo tour tra paesaggi, patrimonio artistico e ricette è lo storico Franco Cardini.

“In questa cucina pisana “di terra e di mare”, il pesce prevale. Eppure, a sottolineare il carattere anfibio della tradizione gastronomica pisana, il suo piatto “d’acqua” più caratteristico (acqua di mare, del Tirreno; ma anche di fiume, sia l’Arno sia i vari canali navigabili) consiste in una preparazione in cui – come accade talora nei piatti “alla marinara” o “alla pescatora” – di pesce non c’è traccia, mentre abbondano magari le erbe profumate, i condimenti piccanti, l’aglio. E’ il caso del “bordatino”, una pietanza che prende il nome dalla parola “bordo” in quanto la si preparava sulle navi o sulle barche: in realtà, una variante della farinata dal momento che veniva cucinato a bordo delle imbarcazioni che trasportavano il granturco”, racconta Cardini.

L'itinerario percorre 65 chilometri, da Pisa a Sasso Pisano, passando per Buti, San Giuliano Terme, San Miniato, Lari, Capannoli, con soste golose in aziende e laboratori dove artigiani del gusto producono eccellenze enogastronomiche.

Lungo il tragitto troviamo la torrefazione artigiana di caffè Trinci, l'Azienda agricola Sapori Mediterranei specializzata in apicoltura e produzione di miele (di acacia, di castagno, millefiori e il Miele di Spiaggia, che viene prodotto solo in questo territorio), l'Azienda Agricola Croco e Smilace, che ha “salvato” l'antica coltivazione dello zafferano, il pastificio Famiglia Martelli, dove si produce pasta con metodi tradizionali, l'allevamento di chiocciole Arcenni Tuscany e infine Vapori di birra, primo birrificio al mondo che produce birra artigianale utilizzando come fonte primaria di energia il vapore geotermico.

Sul sito Artour Toscana (http://toscana.artour.it) l'itinerario è illustrato attraverso una presentazione, l'elenco e le schede delle aziende aziende e le attività in cui gustare i prodotti tipici, e una mappa geolocalizzata che indica il tracciato e i luoghi di interesse.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono mesi che la città della Torre non assiste ad una pioggia battente. Rischio danni: diramata una allerta meteo in codice arancio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità