QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 10° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 23 febbraio 2019

Politica giovedì 20 dicembre 2018 ore 09:45

Anfiteatro, il contributo regionale solleva dubbi

Lo stanziamento vincolato a un contributo di pari importo da parte del Mibact ha ricevuto una fredda accoglienza a palazzo dei Priori e non solo



VOLTERRA — La Regione ha ieri messo da parte 250mila euro per gli scavi all'Anfiteatro di Volterra, che però saranno erogati se e solo se il Ministero delle Belle Arti stanzierà altrettanto. "La Regione ha fatto la sua parte - hanno commentato ieri, con soddisfazione, i consiglieri pisani del Pd in Regione, Antonio Mazzeo, Alessandra Nardini e Andrea Pieroni - ora spetta al governo fare la sua".

Il provvedimento ha subito fatto discutere e, anche a Volterra, non è stato accolto con grande entusiasmo.

“Il consigliere del Pd Antonio Mazzeo vincola il destino dell’anfiteatro di Volterra a iniziative del governo - ha tutonato la consigliera regionale M5s, Irene Galletti - che nulla hanno a che vedere con le scelte di competenza regionale. Non fosse stato per lui e per il suo accanimento contro gli interessi di Volterra e dell’area pisana il sito dell’anfiteatro avrebbe potuto usufruire, grazie a un mio emendamento alla legge di bilancio, di un finanziamento regionale di 250mila euro. Il Pd ne renderà conto ai cittadini alle prossime amministrative”.

Il sindaco Marco Buselli, messo al corrente della notizia, ha subito invitato Regione e Mibact a "non giocare allo scaricabarile"

"Deve essere chiaro che l'Anfiteatro Romano è a rischio - ha detto il primo cittadino -. Probabilmente siamo di fronte ad un'amnesia grave, poichè la Delibera Regionale 1206 del 9 novembre 2017 recita senza indugi che per Volterra, dal punto di vista dei Beni Culturali, 'gli interventi riguarderanno il completo recupero dell’Anfiteatro Romano'. Non si parla, in questa Delibera, che di fatto è la ratifica del Protocollo di Intesa raggiunto fra Comuni della zona e la Regione stessa, di finanziamenti ministeriali imprescindibili, senza cui non si possa pensare di procedere ad interventi preliminari e propedeutici ad un successivo recupero complessivo dell'Anfiteatro Romano di Volterra. Come immaginavo invece, adesso questo subemendamento vincola l'intervento regionale a quello ministeriale, mentre il tempo continua inesorabilmente a scorrere. E questo è proprio quello che alla città e al territorio non serve, ossia che si aspetti, per fare qualcosa, che tutti siano pronti. Soprattutto il protocollo non diceva assolutamente questo". 

Da qui la richesta di Buselli: "Sollecito quindi la Regione a convocare subito un momento di confronto, richiesto e auspicato in primis dalla Cgil, di concerto coi territori, per definire e declinare, attraverso accordi di programma precisi, tutti gli impegni presi con il protocollo di intesa. Ringrazio il Consigliere Regionale Irene Galletti per aver posto per prima la "questione Anfiteatro", con la richiesta, accettata ma già congelata dal Consiglio Regionale, di 250mila euro per partire. Un finanziamento indispensabile, che si aggiungerebbe ai fondi che già come Comune, Cassa di Risparmio di Volterra e Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, abbiamo investito, assieme a qualche azienda privata coraggiosa, per i primi saggi, che hanno aperto uno squarcio di luce su quella che è stata quasi subito definita la scoperta del secolo".

Come se non bastasse, qualche perplessità sull'intera vicenda è stata espressa anche il Pd di Volterra

"Il secondo atto del confronto politico tra PD e M5S in Consiglio regionale sul recupero dell’anfiteatro romano di Volterra - hanno commentato con una nota i dem volterrani - si è risolto in un nulla di fatto. Il Movimento 5 stelle ha preferito togliere dal tavolo ogni richiesta di finanziamento regionale, pur di non impegnare il governo nazionale (Lega-5stelle) in un pari finanziamento da erogare da parte del competente Ministero per i Beni Culturali, così come richiesto da parte dei consiglieri pisani del PD. Considerata l’importanza dell’argomento ricordiamo anche che il primo passaggio ancora da fare è quello che porterà all’acquisto da parte del Comune di Volterra del terreno che ospita l’anfiteatro. Lo stanziamento delle risorse necessarie, che consentirà di procedere con gli atti di acquisizione, dovrebbe essere inserito nel prossimo Bilancio previsionale che andrà in discussione nel prossimo Consiglio comunale".

"Il Partito Democratico di Volterra - conclude la nota - chiede alle Istituzioni nazionali, regionali e locali di lavorare insieme e di programmare, strutturare e finanziare al più presto (ognuno per le proprie competenze) una serie di azioni integrate e coordinate con lo scopo di valorizzare allo stesso tempo l’importantissima scoperta archeologica ed il percorso – con alta valenza storica, scientifica, culturale e (perché no) turistico ed economico – che porterà al suo disvelamento agli occhi dei i nostri concittadini e dei visitatori provenienti da tutto il mondo".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità