QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 17° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 25 febbraio 2020

Attualità sabato 22 aprile 2017 ore 17:08

Buselli firma contro Bulera e per il dissalatore

Il sindaco ha commentato la doppia raccolta firme avvenuta a Saline: "Finalmente anche il sindaco di Cecina Lippi si lamenta per lo strapotere Solvay"



VOLTERRA — Raccolta firme in Piazza dei Priori sulla chiusura della discarica di Bulera e sulla proposta di Medicina Democratica riguardo alla necessità della costruzione di un dissalatore di acqua di mare da parte di Solvay. 

Una raccolta nata a seguito dell’incontro pubblico a Saline di Volterra sull’ampliamento della discarica. Il dissalatore, secondo i promotori dell'iniziativa, permetterebbe di disimpegnare l'acqua dolce del fiume Cecina e di lasciare il sale purissimo delle Saline per la produzione di sale alimentare e di altri prodotti con un minor impatto sul consumo di una risorsa inestimabile. 

"Ho firmato entrambe le petizioni ed invito la popolazione a muoversi in questo senso. – ha detto il sindaco Marco Buselli - Con le dovute e indispensabili garanzie sull'estrazione del sale ad uso della ex Salina di Stato, oggi Locatelli, la creazione di un dissalatore permetterebbe alle generazioni future uno sviluppo armonico e sostenibile delle nostre comunità e del territorio. La pressione di Solvay sulla risorsa idrica e sul sale di Volterra, è diventata nel tempo insopportabile". 

"Per questo - ha ripreso il primo cittadino - sono d'accordo anche con le dichiarazioni del consigliere regionale Cinque Stelle Andrea Quartini: la Regione deve risolvere una volta per tutte le contraddizioni che da sempre hanno contraddistinto il suo operato su questo tema. E' arrivata l'ora di rivedere in toto i termini dell'Accordo Monopoli - Solvay e di affrontare la questione. Il famigerato "protocollo ponte", che avrebbe dovuto affrontare i temi caldi, è stato un fallimento annunciato". 

"Niente si è visto anche sul fronte delle compensazioni economiche – ha concluso Buselli - che noi esigiamo in primis per mitigare il rischio idrogeologico dell'abitato di Saline di Volterra. Il presidente Rossi in persona si era impegnato tre anni fa ma tutt’ora non c'è traccia di azioni concrete in proposito, mentre abbiamo visto deroghe sugli scarichi a mare e oggi siamo costretti a vedere la multinazionale belga ricorrere, rallentando di fatto indirettamente tutte le azioni necessarie per la tutela del patrimonio idrico della Valdicecina. Fino a ieri eravamo i soli o quasi a livello di Comuni nel condurre questa battaglia; oggi vediamo finalmente anche il sindaco di Cecina lamenta lo strapotere Solvay".



Tag

Coronavirus, gli effetti dell'epidemia sul turismo

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità