Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:VOLTERRA13°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 05 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il raduno dei tifosi della Lazio nella birreria cara a Hitler e i cori: «Duce, Duce»

Cultura mercoledì 29 marzo 2023 ore 19:00

Dialoghi al museo con LavorareCamminare

Il chiostro del Palazzo Minucci Solaini a Volterra

Tutto pronto per la seconda edizione dei "Dialoghi con Palazzo Minucci Solaini" al Museo Civico, con 10 installazioni di 10 artisti diversi



VOLTERRA — Al Museo Civico, negli spazi di Palazzo Minucci Solaini in via dei Sarti, tornano i "Dialoghi con Palazzo Minucci Solaini", la mostra di 10 installazioni del Gruppo artistico LavorareCamminare curata da Ilario Luperini.

"Siamo onorati di ospitare la seconda edizione della mostra del Gruppo LavorareCamminare, nato da un’esperienza espositiva ai Bottini dell’Olio di Livorno - ha detto Dario Danti, assessore alle Culture - il nome scelto dal Gruppo è tratto da una canzone del cantautore livornese Piero Ciampi ed esprime al meglio la concezione che i membri hanno dell’arte: essa è intesa come opera viva che si rinnova e si rigenera: una rivoluzione permanente che guarda all’avvenire".

La mostra, che sarà inaugurata mercoledì 5 Aprile alle 17,30, rimarrà visitabile gratuitamente sino al 7 Maggio, tutti i giorni dalle 9 alle 19.

"Ogni gruppo è un insieme di individui che, però, vogliono conservare la propria autonomia - ha aggiunto - e così è, in modo particolare, per LavorareCamminare: unità che si realizza grazie ai molti che, proprio in virtù del tutto, restano ben distinti e autonomi, visibili agli occhi e all’anima".

LavorareCamminare, come riporta nel catalogo curato da Luperini, è un gruppo artistico nato con l’intento di intessere proficue relazioni tra l’arte dei nostri giorni e i luoghi della vita con la consapevolezza. "In questa mostra, accanto agli storici fondatori, entrano a far parte altre
personalità che ne hanno condiviso i presupposti ideali - si legge - dieci installazioni di donne e uomini capaci di affrontare questioni scottanti dell’attualità, ma anche di disegnare castelli immaginari, che percepiscono la possibilità di rappresentare l’ignoto".

Gli artisti che esporranno sono Manlio Allegri, con "Tre racconti"; Giuseppangela Campus, con "Nessuna resurrezione in tempo di guerra"; Aldo Filippi, con "Guardoni"; Bruno Florio con "Tensioni spaziali"; Paolo Grigò, con "La porta della cultura e del sapere"; I Santini Del Prete, con "Deposizioni"; Piero Mochi con "Allegorie"; Paolo Netto, con "UOMO"; Isabella Scotti, con "L’Arte racconta Storie"; e Bruno Sullo, con "Finestre".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno