Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:20 METEO:VOLTERRA13°18°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 27 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni, c'è una novità e un solo vincitore: ora è il tempo della responsabilità

Cultura lunedì 16 maggio 2016 ore 16:35

Il Festival non deve morire

Gullotta, Albertazzi, Fo e altri esponenti del mondo della cultura hanno lanciato un appello perché la rassegna teatrale volterrana possa continuare



VOLTERRA — Il Festival Internazionale del Teatro Romano di Volterra, che ogni anno fa rivivere l’emozione di assistere a spettacoli nel teatro romano della città etrusca, oggi rischia di dover chiudere.

Nato circa 25 anni fa, dall’idea dell’attore e regista Simone Domenico Migliorini insieme a un gruppo di giovani amici, il Festival è sempre riuscito a garantire spettacoli di alta qualità nonostante il suo basso budget. È, infatti, una rassegna indipendente, non beneficia, quindi, di soldi pubblici ed è per questo che è iniziata una campagna di crowfunding per salvare la manifestazione.

Numerosi gli artisti che hanno dato il proprio sostegno: Alan Rickman, Fernando Arrabal, Leo Gullotta, Edoardo Siravo, Antonio Salines, Roberto Herlitska, Isabel Russinova, Aurelio Gatti, Mariano Rigillo, Anna Teresa Rossini, Giorgio Albertazzi e Dario Fo.

La scomparsa del Festival sarebbe, infatti, non soltanto una perdita in ambito teatrale, ma anche un danno per il mondo della cultura e dell’arte. La magia dello scenario è già di per sé un evento straordinario; non a caso, la suggestione del sito archeologico e l’alto valore culturale della programmazione ha permesso che la manifestazione venisse patrocinata dalla Commissione nazionale per l'Unesco e da numerose Ambasciate straniere.

Possiamo così dire che lo spettatore assiste a uno spettacolo nello spettacolo e precludergli questa possibilità sarebbe un vero peccato. Infatti, come ci ricorda Simone Domenico Migliorini: “Già negli anni ‘50 dello scorso secolo, lo stesso scopritore del teatro romano aveva annotato, nel suo diario, che far rivivere questo monumento avrebbe potuto essere una spinta propulsiva per l'economia della città e che se fosse stato realizzato questo progetto le future generazioni ne avrebbero tratto benefici di carattere umano, culturale ed economico”.

https://www.produzionidalbasso.com/project/festival-internazionale-teatro-romano-volterra-il-verso-lafflato-il-canto/

Viola Luti
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco dove sono rimasti i 'baluardi rossi' dopo le politiche 2022, con il centrodestra trainato da Fratelli d'Italia vittorioso in Italia e in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Politica

Politica