QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12°13° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 08 dicembre 2019

Attualità martedì 28 giugno 2016 ore 09:40

Il Teatro Romano ospita gli studenti

Gli studenti nel Teatro Romano

I ragazzi del liceo classico Carducci hanno messo in scena un recital itinerante all'interno del sito archeologico davanti a numerosi spettatori



VOLTERRA — Un’atmosfera insolita ha animato il Teatro Romano di Volterra il pomeriggio di sabato 18 giugno: oltre venti giovani del liceo classico G. Carducci tra le vie del teatro e delle terme hanno dato voce alle emozioni , ai sentimenti, alle riflessioni di donne e uomini dell’antichità greco-latina.

Il recital, uno spettacolo itinerante dal titolo Ambiguo malanno: voci di donne nell’antichità, per alcune ore ha reso vivo il sito archeologico e nello stesso tempo ha fatto sperimentare ai numerosi spettatori l’attualità dei testi dei più grandi autori greci e latini, di poesia e di teatro. A fare da cornice l’austerità delle strutture, il verde del prato, l’armonia del paesaggio: un vivo legame tra passato e presente che ha arricchito sia i ragazzi protagonisti dell’evento che il pubblico, accompagnato e guidato dagli studenti ciceroni.

L’attualità dell’argomento e la passione con cui i giovani hanno interpretato i testi hanno fatto sperimentare la "vita" di queste opere lontane nel tempo, una vita che ci riguarda direttamente: l’amore, la gelosia, la sofferenza, la ricerca del piacere, il divertimento fanno parte della nostra vita come il complesso e spesso contrastato rapporto tra uomo e donna.

Il recital è l’esito del percorso che gli studenti hanno realizzato nell’ambito del progetto Passi nel tempo. Archeologia, che quest’anno ha visto coinvolte tre classi: II, III, e IV anno. Il progetto in atto nel liceo classico di Volterra dal 2008, negli anni ha prodotto opere notevoli, grazie all’impegno e all’interesse dei ragazzi, alla professionalità e alla competenza dei docenti, al supporto di esperti in primo luogo il direttore artistico del FestivalTeatroRomano, Simone Migliorini e il Gruppo Archeologico Volterrano.

Importante è stata la collaborazione con il Comune di Volterra, il Museo Etrusco Guarnacci, la Biblioteca Comunale, il Dipartimento di Scienze Archeologiche dell’Università di Pisa, in particolare la dottoressa Lisa Rosselli e la professoressa Bonamici, la Soprintendenza ai Beni Culturali.

In questo anno in particolare il grazie del dirigente scolastico Gabriele Marini e dell’intero istituto va alle docenti Gianna Pasquinelli, Antonietta Campanale, Lucia Ghilli per la sapiente scelta dei testi e per la loro professionalità; al tecnico dell’Istituto, Giorgio Pratelli, per la sua preziosa collaborazione; a Simone Migliorini che con passione e competenza ha guidato i ragazzi nella dizione e nell’interpretazione dei testi; alla Soprintendenza, in particolare alla dottoressa Elena Sorge che ha reso possibile realizzare lo spettacolo all’interno del Teatro.



Calenda in tv: «Quando Renzi era premier, noi ministri lo prendevamo in giro»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca