comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 14°21° 
Domani 15°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 01 ottobre 2020
corriere tv
Ilaria Capua: «Il virus è qui, dobbiamo stringere ‘la mascherina' fino alla fine dell'inverno»

Attualità mercoledì 11 settembre 2019 ore 10:06

In ospedale cure intermedie e un hospice

Piani e problemi della Asl rivelati al consiglio comunale aperto sulla sanità in Alta Valdicecina dalla dirigente Sanguineti e dal dottor Nardi



VOLTERRA — Sono stati Sabina Sanguineti, responsabile dell'azienda Usl Toscana nord ovest per gli ospedali di Pontedera e Volterra, e il dottor Luca Nardi, direttore dei due nosocomi, a illustrare piani e criticità del Santa Maria Maddalena all'atteso consiglio comunale aperto di ieri, sul futuro della sanità in Alta Val di Cecina. Numeroso il pubblico intervenuto a palazzo dei Priori, con il sindaco Giacomo Santi a far gli onori di casa e fra i presenti i primi cittadini di Pontedera, Pomarance e Castelnuovo Val di Cecina, Matteo Franconi, Ilaria Bacci e Alberto Ferrini.

Sanguineti ha fatto capire che l'azienda sta lavorando a una riorganizzazione di tutti gli ospedali e che per quello di Volterra si è pensato a posti letto da dedicare a cure intermedie (otto) e ad hospice, per chi è affetto da gravi patologie. Posti letto che saranno tolti alla chirurgia, poiché l'occupazione media si attesta al 30 per cento.

Viste le difficoltà, l'obbiettivo della Asl è chiaro: cercare di sfruttare al massimo spazi e personale, per ridurre gli sprechi e non tagliare i servizi. Si spiega così anche il progetto di portare a Volterra più pazienti per chirurgia ambulatoriale e day surgery, progetto spesso annunciato e ancora non compiuto appieno.

Al direttore Nardi è invece toccato fare l'elenco delle criticità, quelle che più preoccupano i cittadini e le forze politiche di minoranza volterrane, Per Volterra e Uniti per Volterra. Su tutte, Nardi ha parlato della mancanza di personale, rimarcando però che è un problema nazionale. Per novembre dovrebbe finalmente arrivare lo specialista in oculistica, ha fatto sapere il dottor Nardi, mentre resta ancora aperta la sostituzione dello specialista in ostetrica ginecologia.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Imprese & Professioni