Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:VOLTERRA11°19°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 17 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Morti Covid: dove mettere il miliardo di euro in pensioni che l'Inps risparmia ogni anno

Politica martedì 30 marzo 2021 ore 14:25

Ospedale, "Tagli e promesse disattese"

Ospedale, la Lega parla di "Tagli e promesse disattese", Ceccardi, Meini e Landi:"I cittadini della zona meritano rispetto"



VOLTERRA — "Gli abitanti di Volterra e dell’alta Val di Cecina non sono cittadini di serie B. Il loro diritto alla salute è messo a repentaglio dalle politiche sanitarie della Regione che da anni vanno in direzione di accentramento e accorpamento dei servizi a danno di tante comunità del territorio toscano. Bene ha fatto il comitato pro ospedale a manifestare, nel pieno rispetto delle normative covid, contro l’assurda decisione di togliere quattro posti letto di UTIC e il cardiologo H24. La Lega è stata ed è al loro fianco, a difesa dell’ospedale di Volterra, presidio sanitario di un ampio territorio caratterizzato anche da una viabilità obsoleta".

Lo scrivono in una nota l'europarlamentare Susanna Ceccardi, e i consiglieri regionali della Lega Elena Meini e Marco Landi, quest'ultimo commissario della Lega a Pisa.


"Tra gli atti presentati dalla Lega nel corso di questo primo scorcio di legislatura regionale vi sono tre interrogazioni con cui si chiede conto delle decisioni che segneranno il destino dell’ospedale di Volterra e una mozione con cui si chiede alla giunta di realizzare un servizio di terapia sub-intensiva. 

Purtroppo le promesse elettorali del centrosinistra sono state disattese. Dove sono i posti di terapia intensiva che Giani aveva promesso? Dove è il sostegno nei confronti dei servizi pediatrici che era stato garantito alla struttura?"

"Proseguiremo - concludono gli esponenti leghisti - a batterci perché Volterra e l’Alta Val di Cecina possano avere i servizi sanitari a cui hanno diritto, senza dover andare in casi di urgenza a decine di chilometri di distanza, come purtroppo accaduto anche di recente”.

“Il diritto alla salute dei residenti di Volterra e della dell’alta Val di Cecina è messo a rischio dalle politiche sanitarie della Regione che, da anni, stanno accentrando e accorpando dei servizi a danno di tante comunità del territorio della Toscana. Sono al fianco delle associazioni che si battono per la difesa dell’ospedale”, ha dichiarato intanto il consigliere regionale di Fratelli d'Italia Diego Petrucci.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I nuovi casi di positività al coronavirus, seppur pochi, diventano un campanello d'allarme se rapportati alla popolazione residente
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca