Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:VOLTERRA11°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 02 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
A Bakhmut, con i soldati ucraini sotto l'attacco dei miliziani russi della Wagner

Politica venerdì 30 settembre 2022 ore 17:00

"Pediatria, Asl non ascolta i bisogni reali"

Volterra vista dall'alto
Foto di: Piero Frassi

Secondo le opposizioni di Per Volterra e Uniti per Volterra, l'Azienda non ha condiviso le scelte nella Consulta: "Annunciate decisioni già prese"



VOLTERRA — Le modalità di riapertura dell'ambulatorio di Pediatria all'ospedale Santa Maria Maddalena non convince i gruppi di opposizione di Per Volterra e Uniti per Volterra

"Rimaniamo sbigottiti - hanno scritto - è evidente la premura con cui si sottolinea che questa nuova organizzazione dei servizi sia stata presentata all’interno della Consulta per la tutela della salute dell’Alta Val di Cecina, ma non viene fatto minimamente presente che, proprio in quella Consulta, questa proposta non è stata condivisa o avallata".

Dunque, secondo le opposizioni, non ci sarebbe stato il via libera. "Nessun riscontro positivo, se non quello del sindaco Santi che, come sempre accade, appare un inviato dell’azienda, piuttosto che un primo cittadino - hanno aggiunto - in sede di Consulta, la capogruppo Roberta Benini, dopo aver contestato l’atteggiamento e le proposte avanzate e condivise dal sindaco, ha chiaramente detto che la Consulta dovrebbe essere un luogo di confronto e di dialogo e non uno spazio per annunciare decisioni già prese".

"Da mesi il territorio, le associazioni e le minoranze stanno chiedendo altro rispetto alla proposta dell'Asl - hanno proseguito - l'Azienda è ovviamente libera di prospettare tutte le soluzioni che vuole, ma riteniamo che a conoscere i bisogni effettivi della popolazione sia la popolazione stessa, che in più occasioni, da diverso tempo, ha detto cose diverse, promuovendo non solo manifestazioni, ma anche avanzando proposte alternative, che però non sono state prese in considerazione".

"Al di là dell’enfasi, quello che è venuto fuori dalla scorsa Consulta è stato proprio il contrario - hanno sentenziato - le sole due ore offerte per il ritorno di un servizio giornaliero, ma solo per alcuni giorni la settimana o l’aumento degli ambulatori, come scritto da Asl, a fronte delle richieste di ripristino del servizio pediatrico domandato dalla Val di Cecina e dalla popolazione, non è accettabile".

Per questo, dunque, la proposta dell'Asl sul servizio di Pediatria, secondo le opposizioni, non può essere la soluzione definitiva. "Non è accettabile scambiare il servizio pediatrico ospedaliero con ambulatori che, se mai, devono accrescere l’offerta sanitaria per bambini e ragazzi - hanno concluso - ancora una volta l'Asl appare lontana dalle richieste del territorio, coperta solo da un sindaco che ne avalla e sostiene tutte le scelte".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, giovedì 1° Dicembre, due casi in più rispetto alla giornata di ieri. In Provincia di Pisa si registra un nuovo decesso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Don Andrea Pio Cristiani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità