comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 19°34° 
Domani 18°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 13 agosto 2020
corriere tv
Frana a Valmalenco: detriti, fango e sassi caduti dalle pendici della montagna

Attualità venerdì 30 settembre 2016 ore 10:00

Le origini volterrane di Borges

Jorge Luis Borges

Nel corso di una premiazione lo scrittore argentino individuò nel colle le sue radici lontane: "Qualcosa di inafferrabile perdura nella città"



VOLTERRA — Simbolo della cultura argentina e tra i più importanti scrittori del Novecento, Jorge Luis Borges, difficilmente può essere associato a una realtà diversa da quella sudamericana alla quale si è sempre riferito.

E, invece, la sua sensibilità e la sua cultura universale gli hanno permesso di entrare in sintonia con Volterra. Durante la cerimonia di consegna del Premio Etruria (gennaio 1985), infatti, prendendo la parola, riuscì a cogliere immediatamente il carattere e l’identità della città che lo ospitava, avvertendola come parte integrante della sua origine latina:

“Sono venuto da Buenos Aires in questa misteriosa terra d’ombre per conoscere i fantasmi di una civiltà dalla quale nacque quella di Roma; cioè la mia stessa perché lo spagnolo non è che un dialetto del latino.

È straordinario mi trovo in un angolo di mondo dove si cela, lontanamente, un po’ della mia nascita.”

La sua capacità di cogliere le atmosfere e lo spirito di un luogo è dimostrata in una frase che racchiude la sua complessa e profonda percezione della realtà:

Volterra è viva e segreta, presente e lontana, fatta di pietre e respiri. Mi è parso di udire dei passi, delle voci, e dunque qualcosa di inafferrabile perdura nella città; un parlottio misterioso, un arcano trascorrere di forme, un paesaggio d’ombre.” (Colloquio)

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro