comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12°24° 
Domani 11°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 26 maggio 2020
corriere tv
Le Frecce sorvolano piazza Duomo a Milano, l'abbraccio tricolore sopra la città

Attualità martedì 20 settembre 2016 ore 15:00

"Chi ha ragione, il sindaco o il prefetto?"

Ancora polemiche sull'arrivo di tre profughe

Secondo la minoranza, Visconti sostiene di aver avvisato il primo cittadino dell'arrivo di tre donne tramite sms: "Dov'è la verità?"



CASTELNUOVO VDC — "Chi ha ragione, il sindaco o il prefetto?". Il gruppo di minoranza Obiettivo Comune torna sulla vicenda delle 3 profughe giunte nei giorni scorsi in paese. In un comunicato firmato da Emanuele Torellini, l'opposizione fa riferimento all'intervento di alcuni giorni fa del prefetto Attilio Visconti che aveva affermato di aver inviato al sindaco Alberto Ferrini degli sms per avvertirlo, smentendo così la versione del primo cittadino.

Gli esponenti di Obiettivo Comune cercano di analizzare la situazione, basandosi sulle dichiarazioni del prefetto: "Il sindaco era stato avvertito tramite 4 sms dell’arrivo di queste 3 persone, che anzi in un primo momento dovevano essere addirittura 4. Persone con lo status di profughe con un identità propria e con certificati medici in tutta regola - continuano da Obiettivo Comune. - Certo procedura molto opinabile quella degli sms, ma le procedure di urgenza prevedono questo metodo, un po' come quando nevica e il comune deve comunicare ai genitori la chiusura immediata delle scuole, lo si fa con lo stesso metodo".

"Come stanno realmente i fatti? - si chiedono nella minoranza -. E’ questo che cerchiamo di capire ed è per questo motivo che non abbiamo espresso una nostra opinione in proposito e non lo faremo fin quando non avremo accertato la verità".

L'opposizione si interroga anche sulla questioni delle riunioni in prefettura, alle quali pare che il sindaco non abbia partecipato: "Un Comune come il nostro con un'altissima percentuale di immigrati non può certo far finta di nulla e non occuparsi di questo; è partecipando alle riunioni che una persona può esprimere il proprio pensiero e prendere parte alle decisioni, se si diserta ogni incontro regola vuole che poi si debba accettare sempre decisioni prese da altri delle quali magari non ne siamo nemmeno a conoscenza".



 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca