Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:26 METEO:VOLTERRA16°25°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, caos dopo il derby: Mourinho furioso lascia la conferenza stampa

Cronaca venerdì 03 ottobre 2014 ore 11:23

Cercano i ladri e trovano lavoratori irregolari

Durante i controlli per prevenire i furti nelle campagne, la Polizia ha scoperto un datore di lavoro che impiegava irregolarmente nel bosco tre stranieri



VOLTERRA — Durante un controllo nelle campagne di Volterra, volto alla prevenzione dei frequenti furti nella zona, gli uomini del Commissariato hanno scoperto dei taglialegna stranieri che lavoravano irregolarmente.
Mercoledì scorso, gli agenti della Polizia di Stato stavano pattugliando la zona dei Fosci, lungo la strada che collega la frazione di Mazzolla con quella di Spicchiaiola. Durante i controlli, sono state ispezionate alcune attività di taglialegna: in una di queste sono state trovate a lavorare tre persone di nazionalità albanese non in regola con la normativa sugli stranieri. Due uomini avevano un permesso di soggiorno scaduto, mentre un altro non lo aveva mai posseduto.
I poliziotti hanno rintracciato il datore di lavoro, un uomo di nazionalità albanese, al quale hanno chiesto spiegazioni sulla presenza dei tre operai all’interno del cantiere. E' emerso che i tre erano impiegati irregolarmente, in contrasto sia con la normativa sull’immigrazione che su quelle che regolano le attività lavorative. Il titolare dell’attività, un uomo di 26 anni residente a Gambassi Terme, T.B. le sue iniziali, è stato quindi denunciato per aver impiegato manodopera clandestina, reato previsto e punito dal Decreto Legislativo 286 del 1998. Il Decreto prevede per il datore di lavoro la reclusione da sei mesi a tre anni ed una multa di 5mila euro per ogni lavoratore impiegato. A questo si aggiunge la cosiddetta “maxi-sanzione”, prevista dal decreto Legge 12 del 2002, che infligge, per ogni singolo lavoratore non regolarmente assunto, una multa che può variare dai 1.500 ai 12mila euro, maggiorata di 150 euro per ciascuna giornata lavorativa prestata.
I tre operai, al termine delle procedure di identificazione, sono stati accompagnati presso l’Ufficio Immigrazione per regolarizzare la loro posizione sul territorio nazionale qualora ne sussistano le condizioni.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il report regionale fotografa, provincia per provincia, le ultime ore sul fronte epidemico: 16 nuove positività nel territorio pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità