Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:28 METEO:VOLTERRA17°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Attualità martedì 10 febbraio 2015 ore 18:54

Gli agricoltori protestano contro l'Imu

Anche il segretario Nocchi e la senatrice Gatti de Pd danno il loro sostegno alla mobilitazione: "speriamo che vengano ascoltati"



PROVINCIA DI PISA — Presidi al casello A1 in Valdichiana, a Grosseto e a Pisa: la Cia Toscana protesta contro l’Imu, definita un’imposta ‘iniqua’ ed ‘insostenibile’ per le aziende agricole toscane, perché "costrette a pagare per un bene strumentale, necessario come è la terra per lavorare". Se a Grosseto ed in Valdichiana sono arrivati i trattori in strada, a Pisa si è svolta un’iniziativa nella sala del consiglio della Provincia.

"In attesa di una correzione sostanziale da parte del Governo, invitiamo le aziende agricole a non pagare - sottolinea il presidente di Cia Toscana Luca Brunelli - è stata una grande giornata di mobilitazione; il Governo deve andare a prendere le risorse da altre parti, magari nei molti enti inutili che gravitano intorno al mondo agricolo, ma non dagli agricoltori che questa tassa profondamente ingiusta non la possono pagare".

Anche il segretario provinciale del Pd Francesco Nocchi e la senatrice Maria Grazia Gatti intervengono: "alcuni passi in avanti rispetto al testo iniziale sono stati fatti". "Non si può parlare invece di buon risultato, invece - aggiungono - per tanti territori collinari già a suo tempo esentati dal pagamento dell'ex Ici nel 1993 perché definite aree caratterizzate da svantaggio derivante da situazioni ambientali, ma anche da condizioni insediative, socio econoimiche e strutturali in declino".
Per il territorio della Provincia di Pisa, dunque, secondo gli esponenti del Pd "la situazione resta inaccettabile; alcuni Comuni si troveranno o a dover riscuotere, oppure se non cambia nulla, senza alcuna risorsa".
Gatti e Nocchi spiegano che "attualmente il decreto che i Governo preannuncia voler agganciare al milleproproghe è all'esame delle commissioni parlamentari; sarà questo il luogo per tentare di affrontare i problemi ancora presenti, come una definizione chiara di comune montano e parzialmente montano tenendo conto della podestà lasciata alle singole regioni in questo ambito".
"Il sistema informativo a disposizione del Ministero, che permette una distribuzione degli aiuti della PAC coerente con criteri economici, mette e a disposizione informazioni e strumenti per costruire una Imu che abbia fra i parametri la redditività dei terreni soggetti ad imposta - concludono - per tutte queste ragioni la mobilitazione serve; speriamo che gli agricoltori vengano ascoltati".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un momento di riscatto per gli studenti della sezione 'Graziani', avviata ormai più di venti anni fa grazie all'allora direttore del carcere
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità