Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:VOLTERRA11°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 13 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo dicono i Lincei- Perché serve una distribuzione globale dei vaccini?

Cronaca venerdì 18 aprile 2014 ore 16:08

I lupi attaccano il bestiame: gravi danni per gli allevatori

La testimonianza dell'allevatore di Sensano Antonio Scala: "voglio vendere tutto, questa non è vita: la minaccia del lupo ti costringe a notti su notti in bianco, in costante allarme, senza andare a letto"



VOLTERRA — "Nuovi attacchi nel volterrano dove i lupi sono tornati a mordere, terrorizzare ed uccidere strappando dai greggi decine di agnellini e pecore e lasciando nello sconforto gli allevatori che lentamente stanno gettando la spugna". La denuncia arriva da Coldiretti che riporta la vicenda di Antonio Sale, storico allevatore di Sensano e titolare dell’azienda agricola Podere Sant’Antonio vicino a Volterra. Nell’ultimo attacco, appena due giorni fa, in pieno giorno, gli agnelli feriti  o uccisi nell'azinda di Sensano sono stati seie negli ultimi sei mesi i lupi hanno portato via complessivamente una ventina di pecore.
“Voglio vendere tutto – racconta l'allevatore – questa non è vita: la minaccia del lupo ti costringe a notti su notti in bianco, in costante allarme, senza andare a letto".
Sale cinque anni fa aveva quasi mille pecore e oggi ne ha poco meno di 200. A far sfiorire la sua passione per questo mestiere importante anche per la difesa del territorio ed in particolare il mantenimento delle zone collinari e montane, è il lupo che anno dopo anno ha dimezzato il suo gregge. "Questo - spiega l'allevatore - è periodo di pascolo, ma con il lupo in giro non si possono lasciare da sole un minuto: una distrazione ed il gregge è perso”.
L’azienda di Sale alleva pecore da latte per farne formaggio e derivati e l'allevatore spiega che "quando entra il lupo nel gregge le pecore per giorni, a volte per settimane, producono poco latte".
Secondo Coldiretti, in tutta la regione Toscana nel 2013, sono state uccise almeno 700 pecore, ma anche capre, puledri, vitelli e mucche. Un recente studio della regione ha invece stimato in 310/320 gli esemplari complessivi tra lupi, errativi ed ibridi.
Fonte: Coldiretti

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Covid, i nuovi casi sono relativi a tre piccoli Comuni del territorio. La situazione negli ospedali di Pontedera e Cecina
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Sport

Cronaca