Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VOLTERRA18°33°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 27 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Cos'è la sindrome da long Covid e chi rischia di più?

Cultura venerdì 13 gennaio 2017 ore 16:30

“Il Volterra” che progettò le chiese romane

Medaglia con ritratto Francesco Capriani

L’architetto Francesco Capriani, nel XVI secolo, eseguì numerose opere nella capitale e il soffitto del Duomo volterrano



VOLTERRA — Pittori, scultori, alabastrai, cantanti e architetti. Sono numerosi gli artisti volterrani che, dotati di talento e di passione, hanno contribuito alla notorietà della città. Alcuni lo hanno fatto svolgendo la propria attività nel luogo di origine, altri andando a cercare fortuna altrove. Ma, nonostante la lontananza, il legame con la città natia rimase profondo. Ed è questo il caso di Francesco Capriani da Volterra, conosciuto anche come “il Volterra” o “Francesco da Volterra” che si affermò tra i più importanti architetti del XVI secolo.

Nato nella città etrusca nel 1535, si trasferì a Roma dove svolse la sua attività principale, ma la sua vita fu segnata da numerosi spostamenti a Mantova dove lavorò per conto dei Gonzaga. E, proprio, durante questi soggiorni, conobbe Diana Scultori, una manierista, che, nel 1575, diventò sua moglie. La donna, figlia del pittore Giovan Battista, fu una figura di spicco nell'arte dell'incisione e divenne fondamentale nella vita lavorativa del marito.

Il suo percorso professionale lo ricondusse alle sue radici. Nel 1574, infatti, ricevette dal vescovo di Volterra, la committenza del soffitto del Duomo. Negli anni successivi iniziarono i lavori e, il 22 giugno 1579, Capriani indirizzò un’istanza ai magistrati per ottenere la cittadinanza volterrana, dimostrando, così, il suo amore per la terra natale.

Il suo lavoro lo portò nuovamente nella città santa dove morì il 15 febbraio 1594.

Tra le sue opere più importanti realizzate nella futura capitale italiana l’Ospedale di san Giacomo degli Incurabili; i palazzi Firenze, Lancellotti, Cardelli e della compagnia dell'Annunziata; la basilica di Santa Pudenziana e le chiese di Santa Susanna alle Terme di Diocleziano, di Santa Maria in Via, di San Giacomo in Augusta, di Santa Maria dell'Orto e di San Silvestro in Capite. Eseguì, inoltre, numerose commesse per gli Este e per conto della famiglia Caetani, in particolare lavorò al loro palazzo a Cisterna di Latina.

Viola Luti
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, giovedì 26 Maggio, leggero aumento di nuovi contagiati. Più casi anche in Provincia di Pisa e oltre 11mila tamponi effettuati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità