Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:VOLTERRA8°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 30 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima gara di Federica Pellegrini: primo posto con standing ovation e tuffo con il presidente Malagò

Attualità mercoledì 07 ottobre 2015 ore 18:50

La banda fa scuola ma rischia di sparire

Tornano i corsi alla scuola di musica della Filarmonica, ma i giovani preferiscono la chitarra e il canto e calano gli allievi degli strumenti a fiato



POMARANCE — Come ogni anno la Scuola di Musica della Filarmonica Puccini di Pomarance aprirà i battenti subito dopo la Fiera paesana e dopo l'esibizione della Filarmonica alla Festa del Paese di Saline di Volterra di domenica 11 ottobre. 

Prenderanno il via martedì 13 ottobre le lezioni per l'anno scolastico 2015-2016. Per quest'anno sono state riconfermate tutte le le discipline già presenti: strumenti a fiato (clarinetto, flauto, saxofoni, tromba, basso tuba e altri ottoni), batteria e percussioni, pianoforte e tastiere, fisarmonica, chitarra, violino e violoncello, canto e solfeggio.

Sono quasi  20 anni che la Filarmonica con grande dedizione, e grazie anche ai contributi di Comune di Pomarance e della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, organizza una Scuola di musica con molte discipline, anche non tipiche dell'organico della Banda, dalla quale la Scuola è nata per svolgere un servizio per tutta la comunità: contribuire alla diffusione della cultura musicale. Dal 1997 la Scuola della Filarmonica non è infatti più appannaggio dei soli strumenti bandistici e se questo, da una parte, ha contribuito ad ampliare l'offerta musicale pomarancina, dall'altra ha fatto segnare un drastico calo negli allievi di strumenti a fiato; allievi che preferiscono, oggi più che mai, orientarsi verso strumenti di più “immediata soddisfazione” come la chitarra o il canto.

Il Consiglio si appella quindi alla sensibilità delle famiglie affinché spronino figli e conoscenti a studiare uno strumento a fiato o a percussione che possa permettere all'allievo di far parte, un giorno, di un gruppo musicale organizzato che partecipa alle feste dei nostri borghi.

Questo nella consapevolezza, spiegano dal Consiglio,  che se venisse meno il ruolo della Banda all'interno dell'associazione Filarmonica Puccini, verrebbe meno anche la funzione sociale che la Filarmonica stessa svolge con la Scuola di musica. Il corpo bandistico, infatti, sta attraversando un fisiologico momento di passaggio generazionale e le persone che sono state le “colonne” dell'associazione per decenni, stanno ormai abbandonando l'attività per raggiunti limiti di età. E' importante quindi assicurare un ricambio di musicisti con l'ingresso nella banda, che sempre più sta modernizzandosi “strizzando l'occhio” alle moderne street band, di ragazzini che possano portarne avanti la tradizione. Il Consiglio ricorda comunque che, fatta salva la quota di iscrizione uguale per tutti i corsi, gli insegnamenti di Strumenti a fiato ad indirizzo bandistico e di Solfeggio sono gratuiti.

Per le modalità di iscrizione alla Scuola e per ogni altra informazione è possibile rivolgersi a Lorenzo Macchioni (tel.393 1216604), Graziano Pacini (tel.320 8461141) o Vasco Gamberucci (tel.339 1123354).

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore altri 6 pomarancini sono risultati positivi al coronavirus. Gli altri due casi in altrettanti Comuni del territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità