QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 20°21° 
Domani 18°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
domenica 15 settembre 2019

Cultura lunedì 13 aprile 2015 ore 19:14

'Le ombre bugiarde' di Giuliano Giuggioli

La personale dell'artista presenta lavori inediti: tutte le fasi della vita nei nuovi percorsi creativi del pittore e scultore grossetano



MONTECATINI VAL DI CECINA — E’ stata prolungata fino a domenica 19 aprile 2015, la personale di pittura del maestro Giuliano Giuggioli, allestita nelle sale del “Caffè Enoteca Betti”Ponteginori di Montecatini Valdicecina.

Organizzata dal gallerista Mario Andrei (Galleria Impara L’Arte di Pomarance), in collaborazione con i titolari del locale Enrico Betti e Matteo Betti, l’esposizione sonda e presenta lavori inediti. Dei veri e propri “Nuovi percorsi creativi”, da quel magnetico “surrealismo mediterraneo”, che si tinge di luce metafisica, ma anche di eleganza e potenza allegorica neo-classica. 
“Ombre bugiarde”; labirinti in cui perdersi, per ritrovarsi in antichi percorsi esistenziali, le acrobazie visive, e la forza cromatica, sondano la sedimentazione paziente e la trasformazione analitica nello spazio-tempo. Una narrazione tracciata in sincronia dalle diverse età vissute dall’Uomo: i balocchi divengono fondamentali chiavi di lettura, testimonianza dell’essere, laddove il pinocchio stanco e “impacchettato”, si riflette forse nella bugia più grande: l’ombra provvisoria della vita.

“Surrealista mediterraneo” come Alberto Savinio, visionario come il più celebre dei De Chirico, come Arnold Böcklin, e Lewis Carroll in letteratura, Giuggioli definisce le sue figure antropomorfe con sensualità ed eleganza attuali. Nativo del borgo di antichissime origini etrusche Vetulonia, in provincia di Grosseto, classe 1951, residente a Follonica, Giuggioli si forma secondo “un iter consueto in altri tempi”: da autodidatta di talento, apprende i segreti di “tutte le tecniche pittoriche e di stampa frequentando assiduamente le botteghe, le stamperie e i cantieri artistici, formandosi una solida cultura generale e soprattutto professionale”. Tele ad olio, sanguigne, tecniche su carta e legno, affreschi, murales, ceramiche, acqueforti, serigrafie e litografie, ne scandiscono la raffinata e spettacolare cifra stilistica.



Tag

Catania, Salvini contestato

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Politica

Attualità