QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 19°25° 
Domani 19°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 24 settembre 2019

Attualità venerdì 19 giugno 2015 ore 05:10

Nel teatro di Augusto si va in scena. Anche gratis

Uno degli spettacoli dell'edizione 2014

Ci sarà, nonostante le difficoltà, la 13esima edizione del Festival Internazionale del Teatro Romano: dedicata al cibo, tema principe dell'Expo



VOLTERRA — "Ogni compagnia ha deciso di dare il suo apporto gratuito, ogni artista parteciperà in cambio di un letto, una zuppa alla volterrana e un bicchiere di vino e l’eventuale incasso della serata". Potremmo dire, pur di recitare nel magnifico teatro romano di Volterra che risale all'epoca di Augusto, gli artisti arrivano anche gratis.

Non nasconde le difficoltà l'ideatore e direttore del Festival Internazionale del Teatro Romano Simone Migliorini, ma annuncia che la kermesse anche questa estate si farà. E con grandi nomi.
Giunto alla XIII edizione e nel 2014 ospitato per la prima volta nell'antico teatro di epoca romana, il festival avrà per tema il cibo. O meglio le primizie della terra destinate agli dèi. 'Satura Lanx', appunto. 
Sarà un omaggio al tema della nutrizione, nell'anno in cui Milano ospita l'esposizione mondiale dedicata a 'Nutrire il pianeta'. E ogni sera, questa è una delle novità, si potrà decidere di prenotare un buffet che sarà servito prima degli spettacoli.
Ma 'Satura Lanx' per i latini non richiama solo “il piatto degli dei”: è anche l’origine del termine 'satira', di cui il volterrano Persio Flacco è uno dei grandi maestri dell’antichità, e rappresenta la definizione per una manifestazione ricca di eventi
Sul colle etrusco per la prima volta arriverà Fernando Arrabal, celebre drammaturgo e intellettuale spagnolo che assisterà allo spettacolo interpretato dall'attrice e artista senese Mila Moretti. Il programma completo non è ancora pronto, ma già si annunciano numerosi gli spettacoli, senza dimenticare la danza e la musica, i laboratori, le conferenze. Come consuetudine, la cerimonia di consegna dei Premi Ombra della Sera e del Premio Unesco alla Cultura in collaborazione con Pro Volterra. E tornerà anche la tradizionale Trimalcena Luculliana nel suggestivo scenario dell’ambulacro dell'antico teatro.

“Avevo perduto entusiasmo e speranze, dopo 13 anni di Festival e 21 anni di lavoro complessivi, dribblando mille ostacoli ero esausto, volevo davvero smettere - spiega Simone Migliorini - su piazza non riusciamo a incidere negli entusiasmi e nelle coscienze, c’è qualcosa che evidentemente sto sbagliando, ma non riesco a individuare quale sia il mio errore che è squisitamente locale". "Poi ho capito dalle numerose decine di attestazioni di stima e di esortazioni a non mollare - aggiunge - che avevo una responsabilità". 
E per salvare il festival c'è stata una grande mobilitazione di intellettuali: da Alan Rickman, che da oltre oceano fa sentire il suo grido, alla Commissione nazionale per l’Unesco che ha concesso ancora una volta il suo alto Patrocinio, fino al World Monuments Fund da New York.

Nonostante le difficoltà anche economiche, il teatro di Augusto tornerà ad ospitare spettacoli. Grazie agli artisti, ma anche alla disponibilità e al supporto del Comune di Volterra e della Soprintendenza dei beni Archeologici della Toscana. Determinante e risolutivo il contributo di Fondazione e Cassa di Risparmio di Volterra.



Tag

Giornata mondiale dell'Alzheimer: cosa si prova quando gli oggetti non hanno più senso?

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Spettacoli

Cronaca