Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:VOLTERRA16°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 20 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità domenica 04 ottobre 2015 ore 13:40

Case dell'acqua: numeri record

Inaugurati i nuovi due impianti a San Dalmazio e Lustignano: le fontanelle piacciono, fanno bene all'ambiente e alle tasche dei cittadini



POMARANCE — Con le due inaugurazioni, sabato scorso a San Dalmazio e ieri, sabato 3 ottobre, a Lustignano, sono 5 le fonti di acqua pubblica di alta qualità istallate nel territorio del Comune di Pomarance. Fontanelli che erogano, anche in questo caso, acqua naturale fresca e a temperatura ambiente, completamente gratuita, e acqua gassata a 5 centesimi al litro. Anche alla popolazione di queste due frazioni sono stati consegnati dal Comune gratuitamente i kit da 6 bottiglie in vetro per poterne usufruire. Soddisfazione espressa dal sindaco Loris Martignoni: "fornire un servizio riducendo l'inquinamento: un risultato molto importante conseguito dalla nostra amministrazione sotto diversi aspetti".

I NUMERI. Il primo cittadino spiega che "fino ad oggi, nelle tre case dell'acqua pubblica presenti a Pomarance, Montecerboli (che serve anche Larderello) e Serrazzano, abbiamo erogato una media di 1.700-1.800 litri d'acqua al giorno". "Numeri altissimi destinati a crescere con i due nuovi impianti - spiega Martignoni -  in un anno sono oltre 600mila litri di acqua di alta qualità erogati, oltre 300mila le bottiglie di plastica in meno consumate nel Comune di Pomarance e tonnellate di rifiuti in meno da riciclare. Inoltre, grazie a questo servizio, il risparmio a famiglia, se si considera l'acquisto di acqua industriale, è stimato in circa 350euro all'anno". 

"Numeri che indicano come i cittadini abbiano capito e apprezzato questo servizio - aggiunge il sindaco - le case dell'acqua sono diventate anche luoghi di incontro: non a caso vi vengono affisse locandine che pubblicizzano eventi ed iniziative, sono spazi di socialità"

Per quanto riguarda i costi Martignoni spiega che "la spesa complessiva per la realizzazione degli ultimi due fontanelli di San Dalmazio e Lustignano è di 80mila euro". "Le case dell'acqua sono quasi completamente auto-sostenute da un punto di vista economico: salvo interventi di manutenzione straordinaria legati a guasti che finora sono stati sporadici, il sistema si sostiene con i ricavi dell'acqua gassata - illustra il sindaco - in sostanza, il contributo di 5 centesimi a litro pagato dai cittadini che scelgono l'acqua gassata, è pressochè sufficiente a sostenete i costi degli impianti, senza oneri aggiuntivi dell'amministrazione".

GLI IMPIANTI. Le fonti installate nel Comune di Pomarance sono tutte a tecnologia avanzata, a risparmio energetico, di alta qualità, con una attenzione ai parametri e controlli costanti dell'acqua erogata. Sono dotate di filtri a carboni attivi, lampade apposite che uccidono i batteri, di tutti quei dispositivi necessari a garantire un'acqua sicura e buona.
"I fontanelli sempre nell'ottica del risparmio energetico - spiega il primo cittadino -sono calibrate in base alla popolazione che devono servire; infatti le ultime due istallate a Lustignano e San Dalmazio sono di dimensioni idonee necessarie a rifornire paesi di circa 200 abitanti"

Un'altra particolarità di queste due nuove case dell'acqua è che per la prima volta sono rivestite con una foto adesiva che raffigura una veduta dei paesi: a San Dalmazio una immagine della Rocca Sillana, a Lustignano un panorama del paese. "Questo elemento di caratterizzazione, presente sui nostri fontanelli - aggiunge Martignoni - è una novità assoluta anche per il costruttore cui sono stati affidati i lavori, il quale ha spiegato di voler proporre questa idea anche altrove".

L'AMBIENTE. A livello nazionale ogni anno si consumano circa 10 miliardi di bottiglie di plastica, equivalenti a molte tonnellate di rifiuti e che utilizzano centinaia di tir per il trasporto delle confezioni. "Noi siamo contrari a questo sistema - dichiara il sindaco di Pomarance - siamo per siamo per l'acqua erogata dalle fonti pubbliche, per l'acqua di rete, controllata, buona, sicura e gratuita, non per l'acqua in bottiglia distribuita dalle grandi aziende"

"Crediamo che sia importante e necessario recuperare l'abitudine di prendere l'acqua dalle fonti pubbliche - aggiunge - Una abitudine sana che guarda non solo al risparmio delle famiglie, ma soprattutto al rispetto dell'ambiente e alla riduzione dei rifiuti. Con questo sistema si abbattano molto le emissioni di CO2, dato che il pet, materiale con cui sono realizzate le bottiglie, si fa con il petrolio, e si riduce anche l'inquinamento legato anche ai trasporti".

"Il nostro obiettivo, che vogliamo continuare a perseguire con l'aiuto dei cittadini, è promuovere una pratica sana per l'ambiente e per le famiglie - conclude Martignoni - Un servizio gratuito ed ecologico che sia anche una forma di educazione ambientale per tutti".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Secondo gli ultimi dati sono diciotto. Si era arrivati a superare quota ottanta. Nelle ultime ore due nuovi casi, ma altrettante guarigioni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Cronaca