Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:VOLTERRA18°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
mercoledì 27 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Bollette in aumento e prezzo del gas alle stelle: le 5 ragioni dietro alla crisi energetica

Attualità martedì 07 ottobre 2014 ore 13:07

Pontedera sparisce dalla segnaletica stradale

Il sindaco Millozzi: "Il danno causato da questa scelta lo pagano i cittadini e i turisti che si trovano a Volterra, non la città della Valdera"



VOLTERRA — Era stato il centro sinistra a denunciare tramite Facebook la scomparsa di Pontedera dalla nuova segnaletica stradale della città etrusca. Il gruppo di Volterra Futura, all'opposizione in consiglio comunale, aveva documentato con tanto di foto la scelta dell'amministrazione comunale civica che ha tolto la città della Valdera dai nuovi cartelli. Pontedera, infatti, rimane solo nella vecchia cartellonistica, preferita da Pisa, dalla FI-PI-Li e da altre località.

Il gruppo di Paterni parla di "furore di epurazione etnica,geografica e storica, di cui hanno già fatto le spese Via Pisana e Viale Ferrucci che hanno cambiato nome e adesso Pontedera". La censura secondo l'opposizione sarebbe arrivata su "precisa richiesta dell'Assessore ai Lavori Pubblici", il quale si è difeso spiegando che si è trattato semplicemente di scegliere, visto che nella segnaletica verticale possono essere messe solo un certo numero di località. L'assessore Paolo Moschi illustra che è stata messa l'indicazione della FI-PI-LI e sono state preferite a Pontedera altre città, tra cui Peccioli, Certaldo, Castelfiorentino o San Gimignano in direzione Siena.

Interviene sulla questione anche il sindaco di Pontedera Simone Millozzi il quale spiega che avrebbe "sinceramente ignorato volentieri l'episodio". "Il danno causato da questa scelta lo pagano i cittadini e i turisti che si trovano in quella città - afferma il sindaco - Pontedera è una importante città conosciuta in tutta Italia e a livello internazionale per tante ragioni: dalle sue industrie alle sue eccellenze alimentari, dalla sua storia ai suoi personaggi illustri, alla sua arte". "Non c'è bisogno di qualche cartello stradale in Alta Valdicecina per farci conoscere - prosegue - i cartelli servono a chi si muove da quei territori per raggiungere meglio i più importanti centri di servizi della zona: il nostro ospedale, utilizzato anche da cittadini di tutta la Valdicecina, le nostre scuole, le nostre fabbriche". "Purtroppo - spiega Millozzi - non ci si muove solo per turismo, ma per mille altre diverse ragioni, a volte indipendenti dalla nostra volontà: è a questi cittadini che quegli amministratori dovranno rendere conto di questa scelta".
"Il Museo Piaggio è il più visitato della nostra provincia - aggiunge il sindaco - e Pontedera negli anni è cresciuta dal punto di vista del patrimonio artistico e delle iniziative eno-gastronomiche e turistiche di qualità, e quindi oggi è anche un polo di attrazione turistica noto a moltissimi stranieri".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Due scosse sono state registrate nella serata di ieri, entrambe con epicentro nel comune di Castelnuovo. Nessun danno a cose e persone
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS