Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:VOLTERRA18°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Cultura giovedì 29 maggio 2014 ore 18:20

Armano Punzo porta il mito di Ulisse nelle scuole

Un'affascinante avventura culturale alla riscoperta del mito: fianco a fianco artisti e studenti



VOLTERRA — "E se invece di ostinarci a voler capire meglio la realtà, la smarrissimo, volontariamente, per crearne attraverso l'arte una completamente nuova che più somigli al bello? Come in un viaggio coraggioso verso il non conosciuto, senza certezze". Parte da qui il Progetto Ulisse avviato a Volterra da Armando Punzo nel dicembre 2013 con la Classe III del Liceo delle Scienze Umane G. Carducci di Volterra che sarà presentato alla città venerdì 30 maggio alle 17,30 al Teatro di San Pietro e che si svilupperà nell'arco dell'anno scolastico 2014/2015.
Il progetto, in collaborazione e con la partecipazione di GenerazioniInArte/Fotoimmagine, Consorzio Turistico Volterra Valdicecina, Comitato Contrade Città di Volterra, prevede il futuro coinvolgimento di alcune classi del Liceo Artistico di Volterra e di artisti e associazioni del territorio che operano in campo culturale, per la realizzazione di una creazione comune.
Nel dettaglio si lavorerà, a partire dal mito omerico di Ulisse, alla creazione di Tableaux Vivants in cui i giovani studenti avranno la possibilità, aiutati dagli artisti e dalle associazioni, di raccontarsi attraverso la creazione di opere d’arte viventi. Di raccontare le proprie visioni, i propri sogni, o forse di immaginare una nuova realtà, un nuovo mondo possibile.
Nell’Odissea il tema del viaggio, dell'allontanamento e del ritorno alla casa si intersecano con il tema ricorrente della mutabilità di tutte le cose e dell'uomo affascinato dall'ignoto incarnato dalla figura di Ulisse.
Quella stessa mutabilità che appare all'artista come necessità di andare oltre quello che già conosce, come un leit motiv della propria esistenza, quel flusso evolutivo che appartiene all'uomo e al mondo stesso che per sua natura non è immobile, trasfigurerà anche le opere d'arte che prenderanno una nuova forma in divenire, saranno dissacrate nella loro immutabilità museale, e trasformate in quadri vitali e parlanti di fronte a un pubblico chiamato ad attraversarle come un grande e camaleontico Ulisse.
Accogliendo l’esigenza dei ragazzi stessi di andare oltre la banalità del quotidiano, non si lavorerà dunque a una rappresentazione realistica della vita contemporanea attraverso il mito, ovvero su ciò che già conosciamo della nostra esistenza, ma a una rilettura del mito stesso, che sorvoli la realtà attraverso visioni fantastiche, alla ricerca di una rinnovata bellezza, di un racconto immaginato tutto dentro l'arte.
Accanto all’opera omerica il lavoro creativo sarà nutrito da altri testi teatrali e letterari, video documentari, film, volumi con opere d'arte di ogni epoca, impressionismo, espressionismo, arte contemporanea che l’associazione metterà a disposizione.
Il laboratorio, già avviato nel dicembre 2013, proseguirà fino al 2015 condotto da Armando Punzo e dai suoi collaboratori, presso le sedi del Liceo G. Carducci, presso il Teatro San Pietro di Volterra e altri spazi che verranno concordati con il Dirigente scolastico, i docenti e l'Associazione Carte Blanche coordinatrice del progetto e prevede un momento di apertura al pubblico e alla città tra la fine di Maggio e gli inizi di Giugno 2015.
Fonte: Ufficio stampa

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Sport

Cronaca