Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:VOLTERRA17°35°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
sabato 02 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Sinner domina Isner e per la prima volta vola agli ottavi di Wimbledon

Politica sabato 16 maggio 2015 ore 17:08

Royalites Solvay: Fattori accoglie la proposta

Il candidato di Sì Toscana risponde positivamente alla lettera di Buselli e chiede l'impegno a realizzare un dissalatore che svincoli l'uso della risorsa idropotabile



FIRENZE — Il sindaco di Volterra Marco Buselli aveva scritto una lettera aperta a tutti i candidati alla presidenza della Toscana per chiedere che almeno uno dei 3 milioni che Solvay versa a Stato e regione per le concessioni minerarie, ricadesse sul territorio volterrano, dato che a Saline esiste questa realtà. Una proposta che il governatore uscente aveva portato all'attenzione del ministro Guidi in occasione dell'incontro sulla vertenza Smith.
Ora a rispondere positivamente all'appello di Buselli è Tommaso Fattori, candidato governatore per la lista Si - Toscana a Sinistra. "Mantenere alta l'attenzione sul futuro della Smith di Saline di Volterra e dei suoi lavoratori cogliendo l'opportunità di questo faro acceso sulla Val di Cecina per rispondere ai bisogni del territorio e dei suoi cittadini - spiega Fattori - ci impegneremo affinché la Regione destini parte delle royalties della Solvay, per le concessioni minerarie, a Saline di Volterra per la sua messa in sicurezza idrogeologica ed il suo sviluppo ambientale e produttivo".

"E' doveroso che ci sia un equa distribuzione delle royalties fra tutti i territori interessati - aggiunge il candidato - ma soprattutto è doveroso che quanto ricevono governo ragionale e nazionale sotto questa forma torni in quantità assai più sostanziosa ai territori". Ma per Fattori c'è di più: "non è solo un aspetto di monetizzazione, infatti siamo di fronte a un caso classico di conflitto ambiente/lavoro che va gestito nella maniera migliore".

L'occasione è stata colta dal candidato per ampliare lo sguardo: l'accordo di programma su Solvay "non risulta firmato e quindi il problema che sorge fra presenza di un sito industriale con importanti ricadute occupazionali come Solvay (e Atisale) e i fortissimi impatti ambientali che comporta rimangono tutti in piedi e la Regione si volta dall'altra parte". "Un accordo quadro ci vuole - aggiunge - e deve coinvolgere anche il governo affinché si trovino soluzioni che,tutelando l'attività economica,riducano drasticamente l'uso di acqua potabile per fini industriali: questo significa realizzare un circuito il più possibile chiuso per le acque industriali, impianti di depurazione modernizzati, così da ridurre gli scarichi a mare".

Il candidato di Sì Toscana chiede l'impegno "a realizzare un dissalatore che svincoli l'uso della risorsa idropotabile per fini industriali o almeno ne riduca la consistenza, sempre meno sostenibile".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con oltre 17mila tamponi effettuati in Toscana, meno positività giornaliere in Alta Valdicecina e nella Provincia di Pisa. Ecco i Comuni interessati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità