comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 16°28° 
Domani 16°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
martedì 14 luglio 2020
corriere tv
Zaia: «Isolato ceppo virus serbo, è più aggressivo»

Attualità giovedì 26 febbraio 2015 ore 07:39

Si vota per i rappresentanti del sindacato

Mimma Lai e Sonia Antoni

In Alta Val di Cecina e nei Colli Marittimi Pisani 700 al voto nelle pubbliche amministrazioni e 600 nella scuola: la Cgil presenta i suoi candidati



VOLTERRA — Si svolgeranno in tutta Italia dal 3 al 5 marzo le elezioni per le Rappresentanze Sindacali Unitarie nella pubblica amministrazione e nei settori scuola, università e ricerca. La Cgil locale ha presentato ieri pomeriggio, 25 febbraio, a Volterra i candidati per l'Alta Val di Cecina (Castelnuovo, Montecatini, Monteverdi, Pomarance e Volterra) e nei Colli Marittimi Pisani (casale, Castellina, Guardistallo, Montescudaio e Riparbella).

AL VOTO NEGLI ENTI LOCALI. "Nel nostro territorio - spiega Sonia Antoni per la Fp Cgil Pisa - sono coinvolti 14 enti, con circa 700 lavoratori aventi diritto di voto e la Cgil ha proposto una rosa di 30 candidati: 21 uomini e 9 donne". Le Rsu resteranno in carica 3 anni e si va dal settore sanitario ai Comuni.
"Queste elezioni - spiega Antoni - avvengono in un contesto difficile, di tagli, di blocco del turn over del personale degli enti, di assenza della contrattazione a livello nazionale, di svalorizzazione delle competenze e del lavoro pubblico".
"A livello locale - illustra Antoni - la Fp Cgil esprime preoccupazione ed insoddisfazione rispetto ai processi di costituzione delle Unioni dei Comuni, sia in Val di Cecina con l'Unione Montana che per quella dei Colli Marittimi Pisani". "La riorganizzazione non è chiara - spiega - sono dei contenitori, ma manca uno schema organizzativo; questo nuovo assetto istituzionale non è supportato da un progetto organico che ne tracci il percorso, le tappe e gli obiettivi da realizzare".
"I lavoratori sono stati catapultati in questo percorso senza avere riferimenti precisi - dice Antoni - insisteremo affinchè gli amministratori scoprano le carte e facciano chiarezza sull'organizzazione e del territorio e sugli impegni che assumeranno verso i cittadini ed i lavoratori, coinvolgendo questi ultimi nei processi di riorganizzazione".

LA SCUOLA. Le elezioni per il rinnovo delle RSU nel comparto scuola riguardano, in questo territorio, gli istituti comprensivi di Montescudaio, Volterra e Pomarance e gli istituti superiori di Volterra: l’ITC “Niccolini” e IS “Carducci”.
"Coinvolgono il personale docente, i collaboratori scolastici, gli assistenti amministrativi e gli assistenti tecnici per un totale di circa 600 persone - spiega Mimma Lai, Segretaria provinciale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL di Pisa - per la prima volta, sia nel comparto scuola-università e ricerca, che nei comparti della funzione pubblica, vota il personale precario, una vittoria della Cgil tutta".
I candidati per le liste Flc Cgil sono: per l'IC di Montescudaio Nicla Conti, Rossana Bartolini e Alessia Calva; per l'IC di Pomarance Alberto Nanni, Cristina Vallini e Cinzia Grassini; per l'IC di Volterra Zappolini Nicla; per l'ITC “Niccolini” di Volterra Chiara Bigazzi; per l'IS “Carducci” di Volterra Paolo Meniconi.
"Un momento di grave difficoltà per la scuola - spiega Lai - con tagli a personale e risorse che in questa zona, e in particolare sugli istituti comprensivi, hanno inciso più pesantemente che altrove anche a causa delle peculiarità del territorio, con molti plessi scolastici dislocati a distanza considerevoli gli uni dagli altri" "Il personale è attribuito anche in base al numero degli alunni e qui, dove questo parametro è molto basso, si determina una situazione di grave difficoltà - aggiunge - in molti casi il servizio è garantito solo dalla disponibilità del personale a lavorare anche oltre gli stretti obblighi contrattuali e di servizio". "In pratica - illustra Lai - se specialmente i custodi si attenessero strettamente al contratto, le scuole rimarrebbero chiuse ed inoltre alcune attività si fanno solo perchè sono le famiglie a pagare con i contributi volontari finanziandole".

Alessandra Siotto
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca