QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12° 
Domani 10°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
lunedì 18 novembre 2019

Attualità giovedì 21 maggio 2015 ore 11:00

Un programma tv in Valdicecina sulle orme di Dante

E' la prima iniziativa dell'​associazione Recupero e Sviluppo della Valle del Cecina: il format con la Rettondini sarà presentato in Piazza dei Priori



VOLTERRA — Con l'obiettivo di riunire e valorizzare nella sua bellezza e interezza la Valle del fiume, è nata alcuni mesi fa l'associazione "Recupero e Sviluppo della Valle del Cecina" che ha subito trovato l'appoggio delle amministrazioni comunali delle province di Livorno e Pisa interessate dal corso del fiume.
E ora l'associazione presenta la sua prima grande iniziativa: il format televisivo Dall’inferno al Paradiso: tutto ciò che Dante non disse. La presentazione ufficiale del programma promosso e finanziato dai componenti dell'associazione, è prevista per sabato 13 giugno alle 15 in Piazza dei Priori a Volterra: saranno presenti oltre al cast e alle istituzioni, ospiti illustri del mondo della cultura dello sport e dello spettacolo, che negli ultimi anni hanno saputo al meglio rappresentare e valorizzare il territorio.

Il programma in sei puntate  sarà ambientato interamente nel territorio della Val di Cecina e zone limitrofe. "Unirà cultura a paesaggio, avventura ad enogastronomia, immagini e storie inedite - spiegano dall'associazione - presentate, con la regia di Giuseppe Racioppi, dall’attrice Francesca Rettondini, coadiuvata da cinque giovani attori che si avvicenderanno nel corso delle riprese".

Riprese durante le quali si darà vita anche a spot pubblicitari a scopo turistico che saranno distribuiti nelle agenzie di tutto il mondo. "Una grandissima opportunità per la nostra Valle - illustrano dall'associazione - per la nostra cultura, per dare il via ad un turismo consapevole ed informato, che sia una base solida per la nostra economia".

Sì perchè l'associazione, nata da un gruppo di cittadini amanti del territorio e sostenuta da mecenati e dalle sottoscrizioni volontarie, ha lo scopo di valorizzare l'intera Valle ed esprime "la volontà del cambiamento: non possiamo più basare le nostre aspettative su un industria malata, che sfrutta ed abbandona". Una economia, quindi, basata sul turismo per il quale è necessario valorizzare le bellezze naturali, la storia, la gastronomia, le tradizioni dei territori lungo il fiume, anche in quegli scorci meno conosciuti, "per cercare la nostra indipendenza, per riappropriarci del territorio e su di esso ricostruire la nostra dignità".

E l'associazione "Recupero e Sviluppo della Valle del Cecina", che attualmente ha la sua sede legale a Castellina Marittima, sta anche già lavorando per aprire una 'base' a Castelnuovo Val di Cecina. 



Tag

Bologna, rubano bancomat alle Poste e intascano un milione: 3 arresti

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Cronaca