QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 12° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
giovedì 27 febbraio 2020

Attualità venerdì 27 dicembre 2019 ore 18:30

"Riparare i mezzi dei volontari costa troppo"

Il comandante Ugo D'Anna
Il comandante Ugo D'Anna

Replica del Comando VVFF di Pisa dopo gli articoli di QUInews sulla chiusura dei distaccamenti di Lari, Ponsacco e Vecchiano. Accordo con i Comuni?



PISA — Con un comunicato stampa i vigili del fuoco del Comando di Pisa sono intervenuti per chiarire la situazione dei distaccamenti volontari di Ponsacco e Lari, attualmente chiusi. La questione è nata dopo i nostri articoli che segnalavano la chiusura dei due distaccamenti.

Rispetto a quanto già comunicato a QUInews in questa nota i vigili del fuoco di Pisa hanno aggiunto che il costo per la riparazione dei mezzi è di circa 150mila euro e che la cifra sarebbe comunque troppo elevata. Inoltre si è saputo che anche il distaccamento volontario di Vecchiano vive la stessa situazione di Ponsacco e Lari. 

La sindaca di Ponsacco Francesca Brogi aveva detto di essere al corrente della situazione e aveva chiesto un intervento del Comando per risolvere la situazione. Il sindaco di Casciana Terme Lari, Mirko Terreni, aveva aggiunto che il suo Comune era disposto a trattare un nuovo accordo con cui poter contribuire alla manutenzione del mezzo, salvo poi avere la certezza che lo stesso mezzo rimanesse in dote al distaccamento di Lari. Su questo punto dall'ufficio stampa dei vigili del fuoco hanno detto: "Un accordo è possibile e il mezzo potrebbe essere tenuto presso il distaccamento prevalentemente e non ad uso esclusivo". Una soluzione quindi è possibile.

Di seguito la replica integrale del Comando provinciale di Pisa dei vigili del fuoco: "Visto quanto apparso recentemente sulla stampa si rende necessario fornire alcuni chiarimenti circa la situazione in cui versano alcuni distaccamenti volontari della provincia. Come saprete il Comando di Pisa garantisce il soccorso alla popolazione attraverso la sede centrale, i distaccamenti permanenti, Cascina, Castelfranco, Saline di Volterra e Aeroporto, con il supporto dei distaccamenti volontari di Pontedera, San Miniato, Ponsacco, Lari e Vecchiano" hanno esordito dai vvff.

"L'operatività dei distaccamenti volontari è determinata da due fattori principali, la disponibilità del personale e la presenza di mezzi e attrezzature. I recenti collaudi e revisioni a cui periodicamente vengono sottoposti i mezzi di soccorso hanno visto mettere a fuori servizio 3 APS (Auto Pompa Serbatoio il mezzo principale di soccorso)". 

Le cifre: "Gli elevati costi per le riparazioni, circa 150mila euro, sono decisamente sbilanciati rispetto alla vita residua di questi mezzi (alcuni di questi hanno 24 anni di vita) e comunque non garantirebbero quella sicurezza necessaria per effettuare un servizio di soccorso tecnico urgente. Vi è quindi l’urgente necessità di ammodernamento del parco mezzi che spesso sono datati e usurati e in alcuni casi si rende necessario prelevare mezzi in dotazione ai distaccamenti volontari a favore dell'attività operativa di quelli permanenti che devono garantire in primis il servizio tenico urgente H24".

"Questo è quanto successo al momento ai distaccamenti di Ponsacco, Lari e Vecchiano. Occorre far presente che il Comando di Pisa ha il maggior numero di distaccamenti volontari della Regione e quindi ha maggior necessità di mezzi e attrezzature rispetto ad altre realtà. Il Comando ha fatto presente da tempo lo stato del parco veicoli in tutte le sedi istituzionali competenti chiedendo un potenziamento delle dotazioni e ha portato a conoscenza i Capi distaccamento circa la situazione del parco automezzi".

"Si tratta di una situazione temporanea - hanno detto  da Pisa - che si spera si sblocchi con il nuovo anno. E' superfluo sottolineare il fatto che il Comando ha tutto l'interesse ad avere attivi tutti i distaccamenti volontari presenti nella Provincia al fine di ridurre i tempi di intervento e garantire il miglior servizio di soccorso possibile alla popolazione".



Tag

Coronavirus, Conte: «La telefonata con Salvini? Mi ha detto che aveva cambiato numero»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Cronaca

Attualità