Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:46 METEO:VOLTERRA17°29°  QuiNews.net
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 25 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Miami, il video del crollo del palazzo di dodici piani

Attualità domenica 22 aprile 2018 ore 09:40

Apre l'emporio della solidarietà

Emporio della solidarietà: “Non di solo pane”. L'inaugurazione sabato 28 aprile alla presenza delle autorità nel seminario vescovile



VOLTERRA — L’apertura a Volterra dell’emporio della solidarietà “Non di solo pane” è ormai prossima: l’inaugurazione avverrà sabato 28 Aprile, alle ore 10, nei locali del Seminario vescovile, in via Vittorio Veneto. 

All’evento saranno presenti il Vescovo, i sacerdoti, le associazioni e tutte le varie realtà della diocesi; le autorità e i rappresentanti delle Istituzioni, in particolare i Sindaci, gli assessori al Sociale e gli operatori del Servizio Sociale Asl; Unicoop e Conad, i rappresentanti della Caritas Italiana e rappresentanti della Caritas di Lucca il cui emporio di Capannori è stato modello di riferimento importante.

L’emporio è stato realizzato grazie ad un progetto presentato dalla Caritas diocesana a Caritas Italiana la quale lo ha sostenuto per circa due terzi attraverso i fondi dell’8 x mille destinati alla carità. L'altra parte è stata coperta da fondi messi a disposizione dalla Diocesi stessa e da un contributo iniziale di 15000 euro donato da Unicoop di Firenze a seguito dell'accordo regionale con le Caritas della Toscana.

La sede dell'emporio è in Volterra, in Via Vittorio Veneto 2, presso uno spazio messo a disposizione dall'Ente Seminario Vescovile che lo ha concesso per 10 anni in comodato gratuito alla Caritas diocesana.

"Primo obiettivo del progetto - ha spiegato la Caritas - è creare un luogo in cui la comunità cristiana si fa “prossimo” alle persone che non hanno possibilità di acquistarsi il cibo: le accoglie nel più profondo rispetto della loro dignità, le accompagna in un percorso volto a raggiungere o ritrovare la propria autonomia, superando il momento di crisi. Questo percorso ha inizio all’interno dei due Centri di Ascolto del territorio, rispettivamente a Volterra e a Pomarance: qui ogni persona viene ascoltata, insieme a lei viene esaminata la sua situazione per verificare la coerenza con i criteri di accesso all’emporio, tra i quali la residenza nella Diocesi di Volterra e l’indicatore ISEE. La domanda sarà poi ulteriormente valutata da un’apposita commissione, formata da responsabili della Caritas diocesana e della Caritas parrocchiale, da referenti dei Servizi Sociali e delle Istituzioni locali; tale commissione stabilirà la durata dell’accesso e le modalità di accompagnamento e di verifica del percorso".

"La persona che accede all’emporio potrà «acquistare» generi di prima necessità mediante una tessera caricata mensilmente di un punteggio prestabilito in base al numero dei componenti della famiglia e alle loro esigenze. Anche i prodotti avranno un punteggio secondo la categoria merceologica a cui appartengono in base alle loro caratteristiche. Alcuni volontari accoglieranno le persone e le guideranno tra gli scaffali, aiutandole nella scelta. Almeno inizialmente l’emporio sarà aperto due giorni alla settimana; è previsto il rimborso del biglietto dei servizi pubblici per chi giunge da fuori Volterra".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A darne notizia l'Università di Pisa, che esprime profondo cordoglio. Originaria di Montecatini VdC, era molto impegnata nella vita sociale cittadina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca