comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VOLTERRA
Oggi 18°29° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News volterra, Cronaca, Sport, Notizie Locali volterra
venerdì 10 luglio 2020
corriere tv
Ragazzi morti a Terni, il compagno di banco di Flavio: «Non so perché si rifugiasse nelle droghe...era una persona molto sensibile, avevo provato a dirgli di smettere»

Cultura giovedì 23 marzo 2017 ore 13:00

Il Colle dipinto da Corot

Quadro di Jean Baptiste Corot

Nel 1834, il pittore francese immortalò il paesaggio della città, dipingendo due tele che oggi sono conservate al Museo Louvre d Parigi



VOLTERRA — Macchie di colore e sfumature di verde colgono la dimensione spirituale e rarefatta del paesaggio volterrano nelle tele di Jean-Baptiste Camille Corot. Il pittore francese, che soggiornò nella città nel 1834 e nel 1838, sembra aver affidato ai suoi tratti chiaroscurali il compito di raccontare il tempo e la natura che caratterizzano una realtà che sembra aver vissuto senza soluzione di continuità epoche storiche così lontane nel tempo.

Senza soffermarsi sui singoli dettagli, l'artista cerca di cogliere, come elemento di vita e di forza esistenziale, la luce nel momento in cui si sospende prima del tramonto.

La città in lontananza, le colline in primo piano si fondono in un accordo che l'uomo e la natura hanno creato per rendere più realistica l'impressione. Non a caso, il paesaggista è considerato dalla critica un precursore del movimento che, nella seconda metà del XIX secolo, metteva in risalto le trasformazioni continue e il respiro del cosmo.

I due quadri, conservati al Museo Louvre di Parigi, non esprimono i tratti identitari di Volterra, ma comunicano in modo raffinato e sottile lo spirito della città.

Viola Luti
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità